Home » Internazionale, News, Porti, Trasporti » Stena Impero è “libera di partire”

Stena Impero è “libera di partire”

Londra. E’ da ieri che la petroliera inglese, Stena Impero, è libera e pronta a partire lasciando la baia di Bandar Abbas. L’ha affermato l’ambasciatore iraniano nel Regno Unito, Hamid Baeidinejad, a seguito della fine del processo giudiziario. La Stena Impero era stata posta sotto sequestro con i suoi 23 membri di equipaggio dalle Guardie rivoluzionarie islamiche il 19 luglio scorso per presunte violazioni delle norme internazionali sul trasporto marittimo nello Stretto di Hormuz.

La Società armatoriale Stena Bulk ha sempre dichiarato che non vi sono indicazioni certe che la nave abbia violato le regole internazionali sul trasporto marittimo. Il sequestro della petroliera è stato considerato dai media come un atto di ritorsione poiché la Gran Bretagna aveva sequestrato la petroliera iraniana al largo di Gibilterra.

A seguito delle dichiarazioni dell’ambasciatore dell’Iran nell’UK, la Società di consulenza marittima, la TankerTrackers, ha pubblicato immagini satellitari secondo le quali la nave non è più situata nella posizione di detenzione all’àncora; la stessa società ha aggiunto che sono impegnati a ri-posizionare la petroliera,mentre il suo AIS sembra essere spento.

Intanto, note di stampa turca riferiscono che l’Iran è impegnata in un programma di esercitazioni navali congiunte con Russia e Cina nel Golfo di Oman e nell’Oceano Indiano, per mitigare le tensioni in quell’area marittima.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Iran libera sette membri dell’equipaggio della Stena Impero
  2. La Grace 1 lascia Gibilterra col nome di Adrian Darya 1
  3. Teheran collabora e libera marittimi sequestrati
  4. Iran sequestra petroliera inglese
  5. Continua il gioco dell’Iran: tentativo di sequestro di nave britannica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67591

Scritto da Abele Carruezzo su set 26 2019. Archiviato come Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab