Home » Ambiente, Europa, Italia, News, Porti » L’UE per ripulire i mari dai rifiuti

L’UE per ripulire i mari dai rifiuti

Bruxelles. L’Europa ricorderà quest’anno 2019 come quello dedicato alla tutela dell’ambiente in generale e alla salvaguardia di quello marino in particolare. La campagna di azioni strategiche, realizzata dall’Ue con le comunità locali di ottanta Paesi membri, ha come obiettivo di ripulire le spiagge dai rifiuti marini: #EUBeachCleanUp è il motto della campagna lanciata a fine agosto e durerà fino a ottobre. Quest’anno, grazie alle innovative partnership con le Nazioni Unite e gli Smurfs Blu (Puffi Blu), la campagna di sensibilizzazione sta ottenendo risultati soddisfacenti perché è legata ad azioni concrete.

L’Unione europea da anni è impegnata con delle politiche ambiziose per combattere l’inquinamento marino nel mondo. Insieme alle Nazioni Unite, si vuole che gli oceani siano più puliti e più sani. Eventi che si stanno svolgendo in queste settimane, fino a ottobre, hanno accumulato tonnellate di rifiuti dai mari e dalle coste e consegnate alle comunità locali per la gestione; molti di questi eventi sono organizzati dalle ambasciate dell’Ue e dagli Uffici delle Nazioni Unite in tutto il mondo, in collaborazione con comunità locali, scuole, ONG e società private.

La collaborazione con i Puffi Blu è stata eccezionale per grandi e piccini ed importante per costruire un’ondata globale di attivismo oceanico. Quando si raccolgono i rifiuti dalla spiaggia, le persone, piccini e grandi, riconosceranno oggetti monouso: bastoncini di cotone, sacchetti di plastica o posate. La Rappresentanza in Italia della Commissione europea ha fatto la propria parte con l’evento Ostiense “Ostia acchiappa la plastica” e lungo le rive del Tevere a Roma.

Ogni anno, otto milioni di tonnellate di rifiuti di plastica vengono scaricate in mare e le pulizie della spiaggia non saranno sufficienti da sole per affrontare questa enorme sfida. La prevenzione è la chiave! Per questo, l’Ue ha adottato una strategia europea per la plastica nell’economia circolare insieme a misure legislative per ridurre la produzione e il consumo dei dieci articoli in plastica monouso più comunemente presenti nei rifiuti marini.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. GREENPEACE A ISCHIA CON DOLCENERA: “I NOSTRI MARI SONO A RISCHIO PLASTICA”
  2. Commissione Ambiente: Audizioni su raccolta rifiuti solidi dispersi in mare
  3. GREENPEACE: TORNA PLASTIC RADAR, UN WHATSAPP PER SEGNALARE I RIFIUTI IN PLASTICA NEI NOSTRI MARI, LAGHI E FIUMI
  4. Giornata del mare-Sui fondali il 77% dei rifiuti è plastica
  5. Rifiuti, a Porto Cesareo inaugurazione centro per la plastica raccolta dai pescatori

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67668

Scritto da Abele Carruezzo su set 27 2019. Archiviato come Ambiente, Europa, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab