Home » Italia, News, Porti, Trasporti » Porti: ancora un morto tra i portuali. Indetto sciopero nazionale oggi 1° ottobre di 1 ora

Porti: ancora un morto tra i portuali. Indetto sciopero nazionale oggi 1° ottobre di 1 ora

SCIOPERO DEI LAVORATORI PORTUALI E GUARDIE AI FUOCHI

ROMA-Un nuovo incidente sul lavoro, sabato, ha mietuto l’ennesima vittima, un lavoratore Guardia ai Fuochi del porto di Trieste. È sempre più lungo l’elenco delle morti sul lavoro nonostante i nostri continui allarmi e richieste di monitoraggio costante affinché ci si attenga scrupolosamente ai protocolli sulla sicurezza.

Le aziende devono continuare ad investire sulla formazione, la prevenzione e le attività di controlloperché possono essere le uniche armi per debellare o quanto meno arginare questo triste fenomeno. Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza che impone un tavolo permanente di confronto per individuare, evidentemente, nuove ed ulteriori disposizioni per salvaguardare la vita di ogni lavoratrice e lavoratore perché non si può continuare a morire durante la prestazione lavorativa.

È sempre più urgente, nei porti, agire sui rischi da interferenze attraverso precisi interventi sull’organizzazione del lavoro ed insistere sull’armonizzazione dei d.lgs. 272/99 e 81/08 considerando la pesante e grave incidenza degli infortuni che sempre più spesso sono mortali. Ogni lavoratore ha il diritto di poter lavorare in sicurezza e nel rispetto dei disposti normativi specifici per ogni settore produttivo.

Gli enti, nessuno escluso, devono profondere ogni massimo sforzo per prevenire e evitare che aumenti il numero di morti sul lavoro. Intanto, esprimiamo profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia del lavoratore che è deceduto sabato a Trieste e ci affidiamo alle indagini del caso per individuarne le cause ed eventualmente i colpevoli.

Un ennesimo incidente mortale che ci impone di programmare lo sciopero Nazionale dei lavoratori Portuali e delle Guardie ai Fuochi di 1 ora per martedì 1° ottobre per ogni singolo turno o prestazione di lavoro. In aggiunta le strutture potranno organizzare una raccolta fondi da destinare alla famiglia della vittima. Le Segreterie territoriali sono tenute a dare comunicazione dell’articolazione dell’astensione alle aziende. Saranno comunque garantite le eventuali prestazioni minime di cui all’autoregolamentazione provvisoriadi legge.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: 1 e 2 agosto 2019: sciopero della vigilanza ai varchi portuali, garantiti solo i servizi essenziali
  2. Porti: digitalizzazione, automazione ed informatizzazione dei processi produttivi e trasportistici portuali con uno sguardo al mercato del lavoro
  3. Porti: sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il 6 marzo
  4. Sciopero dei portuali: siamo ad una svolta?
  5. SERRACCHIANI: “SCIOPERO DEI PORTUALI E’ SINTOMO DI EMERGENZA NAZIONALE”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67805

Scritto da Redazione su ott 1 2019. Archiviato come Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab