Home » Italia, News, Porti » Progetto LifeGate PlasticLess: Posa del cestino Seabin nel porto di Marina di Ravenna

Progetto LifeGate PlasticLess: Posa del cestino Seabin nel porto di Marina di Ravenna

Presso il Ravenna Yacht Club di Ravenna, alla presenza di una rappresentanza di Volvo Car Italia, del titolare della concessionaria Volvo Lineablù di Ravenna, Enrico Benelli, e di alcune Autorità locali fra cui l’Assessore ad Ambiente e Verde Pubblico del Comune di Ravenna, Gianandrea Baroncini, un rappresentante della Capitaneria di Porto ed un rappresentante dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, è stato posato un nuovo cestino Seabin nel porto di Marina di Ravenna.

L’installazione di questo nuovo dispositivo, si colloca all’interno del progetto LifeGate PlasticLess per la lotta alle plastiche nei mari italiani e sulla Costa Romagnola in particolare. Progetto che vede impegnata Volvo sulla Costa Adriatica per la cura del mare, un bene prezioso sia dal punto di vista ambientale sia dal punto di vista dell’economia dell’intera regione costiera.

L’iniziativa è inoltre attuata in collaborazione con le amministrazioni locali più sensibili alla tematica della salvaguardia dei mari” si legge in una nota, e per questo l’Autorità di Sistema Portuale non poteva non essere presente.

I dispositivi Seabin utilizzati nell’ambito del progetto LifeGate PlasticLess per la raccolta dei rifiuti galleggianti risultano particolarmente efficaci in aree come i porti, all’interno dei quali – grazie all’azione dei venti e delle correnti – convergono i rifiuti scaricati in mare. Un dispositivo è in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm, sempre più diffuse e pericolose poiché, rovandosi nel sale marino e venendo ingerite dai pesci, entrano nella nostra catena alimentare.

Leggi anche:

  1. Salvaguardia del mare, al Circolo Velico Ravennate entra in azione il Seabin
  2. Il Porto di Ravenna presenta a Monaco il Progetto dell’Hub Portuale
  3. PORTO DI RAVENNA: MASTER UNIVERSITARIO IN DIRITTO MARITTIMO
  4. L’Unione europea approva progetto “Port of Ravenna fast corridor”
  5. Porto di Ravenna: 2,8 milioni di euro per il progetto Adrimob

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67811

Scritto da Redazione su ott 1 2019. Archiviato come Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab