Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti » Riqualificazione del Waterfront di Marina di Carrara

Riqualificazione del Waterfront di Marina di Carrara

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale ha ottenuto l’approvazione del finanziamento per il progetto denominato MARBLE “MARitime port Bridging Landside infrastructure”, relativo al miglioramento dell’accessibilità del porto di Marina di Carrrara, nell’ambito del bando Connecting Europe Facility (CEF) Transport call 2019, riservata ai porti Comprehensive della rete TEN-T.

Il progetto MARBLE ha come obiettivo generale quello di migliorare la connessione tra il porto di Marina di Carrara e le reti di trasporto stradali e ferroviarie ad esso afferenti. In particolare il finanziamento ottenuto con il progetto MARBLE coprirà parte dei costi relativi ai lavori di adeguamento del sistema multimodale di accesso al porto e delle opere marittime necessarie per la loro messa in sicurezza. Tali lavori rientrano negli ambiti 1 e 2 del progetto Waterfront del porto di Marina di Carrara, il cui iter di approvazione è già in fase avanzata.

Il progetto avrà durata di circa 2 anni (Dicembre 2019 – Settembre 2021) ed un totale di costi eleggibili di 11.312.763 €, di cui 2.262.553 € co-finanziati dal bando CEF.

“L’ottenimento di questo finanziamento rappresenta un risultato davvero importante – commenta la Presidente Carla Roncallo – in quanto darà un fondamentale contributo ai progetti di sviluppo dell’Autorità di Sistema Portuale ed in particolare alla riqualificazione del Waterfront di Marina di Carrara i cui lavori comporteranno considerevoli benefici sia dal punto di vista della gestione delle merci in ingresso e uscita dal porto soprattutto per i traffici relativi alla zona industriale situata a ridosso del porto, sia dal punto di vista della qualità della vita per la popolazione.

L’ottenimento di questo finanziamento è inoltre motivo di grande soddisfazione per il nostro Ente – continua la Presidente Roncallo – perché MARBLE è il primo progetto comunitario approvato, da quando è stata istituita l’Autorità di Sistema Portuale, che riguarda il porto di Marina di Carrara e questo contribuirà a dare visibilità europea anche al nostro porto comprehensive. Questo aspetto, che ci tengo a sottolineare, testimonia il grande lavoro svolto dagli uffici dell’AdSP in ottica di integrazione e sinergia tra i porti di La Spezia e Marina di Carrara anche nel settore della progettazione comunitaria.”

Leggi anche:

  1. Presentazione progetto di riempimento del sito portuale di Vado Ligure con materiale proveniente dalle Cave di Carrara con partenza dallo scalo di Marina
  2. Forum sulla nautica: a Marina di Carrara il 6 febbraio 2014
  3. Porto di Marina di Carrara: il 20 presentazione del Progetto Gorgon
  4. Marina di Carrara: venerdì arriverà la nave scuola Pogoria
  5. Mastodontico imbarco nel porto di Marina di Carrara

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67996

Scritto da Redazione su ott 4 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab