Home » Europa, Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Il progetto LOGISANA e le prime start-up in Interporto Bologna

Il progetto LOGISANA e le prime start-up in Interporto Bologna

L’interporto di Bologna, attraverso il progetto LOGISANA – Logistica sanitaria integrata, ha creato all’interno dell’infrastruttura un incubatore per le start-up del settore farmaceutico e biomedicale. Sono in arrivo le prime aziende che andranno ad occupare l’immobile

Il Progetto LOGISANA nasce da una manifestazione di interesse nell’ambito dell’attività 5.1 del Programma attività produttive 2012/2015 per il Sostegno allo sviluppo delle infrastrutture per la competitività del territorio. Il Comune di Bentivoglio ha promosso il progetto indicando come soggetti attuatori, Interporto Bologna S.p.A., Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR) e Fast Freight Marconi (FFM), ottenendo il finanziamento del Progetto “LOGISANA – Logistica Sanitaria Integrata”, che ha avuto una durata di 3 anni e si è concluso a settembre 2018.

L’obiettivo primario di questo progetto è stato quello di creare un’infrastruttura a supporto delle imprese, start up e/o consolidate, che intendessero inserirsi nella Logistica sanitaria e del biomedicale, in modo da creare un nuovo modello di business e una conseguente razionalizzazione del processo distributivo.

Il progetto si è proposto quindi di strutturare e rendere operativa una rete territoriale a supporto della logistica biomedicale innovativa basato sulla logica dell’hub & spoke.

Il progetto Logisana è, per sua natura, aperto alla collaborazione con partner istituzionali e non, e in particolare mira a coinvolgere imprese operanti nel settore della logistica del biomedicale, nella convinzione della possibilità che il progetto e i partner possano trarre beneficio dalla mutua interazione.

A fine anno l’incubatore vedrà entrare la prima start-up che ha dimostrato interesse nel progetto e che si occupa di rendere disponibile un rilevatore per il sistema integrato di controllo real time delle condizioni ambientali nel trasporto e nella logistica del farmaco.
Un altro operatore del settore si insedierà con l’inizio del 2020.

Leggi anche:

  1. Interporto Bologna e Jojob insieme per la mobilità sostenibile
  2. IL PRESDENTE SERGIO MATTARELLA IN INTERPORTO BOLOGNA
  3. Inaugurazione nuovo hub di SDA in Interporto Bologna
  4. 4-7 giugno: Interporto Bologna vi aspetta al Transport Logistic
  5. PROGETTO SULPITER: A BOLOGNA (13-15 MAGGIO) L’EVENTO FINALE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=68279

Scritto da Redazione su ott 9 2019. Archiviato come Europa, Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab