Home » Diporto, Eventi, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » CRUISE 2030 CALL FOR ACTION: I PRINCIPALI PORTI CROCIERISTICI EUROPEI SI RIUNISCONO VENERDI’ 18 OTTOBRE A VENEZIA PER IMMAGINARE LA CROCIERISTICA SOSTENIBILE DEL FUTURO

CRUISE 2030 CALL FOR ACTION: I PRINCIPALI PORTI CROCIERISTICI EUROPEI SI RIUNISCONO VENERDI’ 18 OTTOBRE A VENEZIA PER IMMAGINARE LA CROCIERISTICA SOSTENIBILE DEL FUTURO

Venezia-Nella giornata del 18 ottobre si incontreranno a Venezia i rappresentanti di alcuni tra i principali porti crocieristici europei per discutere l’impatto economico e ambientale dell’industria crocieristica con l’obiettivo di arrivare a definire delle linee guida che consentano un nuovo approccio più sostenibile al turismo crocieristico.

L’incontro si intitolerà “Cruise 2030: Call For Action” e si terrà a porte chiuse nella sede dell’Autorità di Sistema Portuale veneziana, il cui presidente, Pino Musolino, aveva invitato lo scorso luglio i colleghi europei a fare il punto sulla situazione e a gettare insieme le basi di una piattaforma programmatica per contribuire a innovare il settore.

Venerdì prossimo saranno presenti a Venezia delegazioni dei porti di Amsterdam, Palma di Maiorca, Barcellona, Bergen, Cannes, Dubrovnik, Malaga e Marsiglia Fos. Parteciperà ai lavori anche Olaf Merk, responsabile porti e shipping per l’International Transport Forum dell’OECD.

“Sono onorato di poter ospitare a Venezia il primo incontro di questo gruppo di lavoro tra rappresentanti dei porti crocieristici europei e della risposta ottenuta rispetto alla mia lettera” – dichiara Pino Musolino, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale (porti di Venezia e Chioggia). “Partendo dal presupposto che vogliamo non solo preservare ma garantire un futuro al comparto dell’industria crocieristica, settore di grande rilevanza dal punto di vista economico e occupazionale, è necessario fare di più per coniugare la tutela delle nostre città, gli equilibri ambientali, la vivibilità e la gestione complessiva delle risorse e dei territori.

Metteremo perciò a fattore comune le nostre esperienze per arrivare a formulare proposte concrete da sottoporre alle Istituzioni europee e nazionali al fine di individuare una nuova e più sostenibile formula per il crocierismo, che abbia il coraggio di prevedere, nel medio termine, anche l’ideazione e la realizzazione di naviglio più compatibile, che potremmo definire una nuova ‘Classe Europa’”.

Leggi anche:

  1. Genova sale al 6° posto nella top ten dei porti crocieristici del Mediterraneo
  2. IL PORTO DI VENEZIA CHIAMA I PORTI EUROPEI PER SVILUPPARE INSIEME UNA NUOVA CROCIERISTICA SOSTENIBILE
  3. Porti Europei entrano in un mondo nuovo, Memorandum ESPO
  4. Investimenti per 118 milioni di euro per i porti di Venezia e Chioggia
  5. Italian Cruise Day: il primo forum nazionale sulla crocieristica al Terminal Passeggeri di Venezia il 28 ottobre

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=68679

Scritto da Redazione su ott 15 2019. Archiviato come Diporto, Eventi, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab