Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Friuli Venezia Giulia: Fedriga, sviluppo Fvg fondato su logistica e ricerca

Friuli Venezia Giulia: Fedriga, sviluppo Fvg fondato su logistica e ricerca

Confermata volontà aggregare realtà interportuali

Trieste – “Logistica e ricerca, in particolare quella applicata, sono asset strettamente collegati tra loro ed è proprio sullo sviluppo di questo connubio che la nostra Regione deve puntare per il suo sviluppo futuro. Il Friuli Venezia Giulia, grazie al proprio ruolo di porta verso l’Est Europa e alla consolidata presenza di enti di ricerca di altissimo livello, si trova in una posizione strategica nel panorama internazionale, che ci avvantaggia rispetto ad altre regioni come il Veneto e la Lombardia. Proprio per questi motivi dobbiamo guardare con grande attenzione sia alla Cina sia alle altre nazioni asiatiche, come Singapore e India, ed essere protagonisti nel collegamento tra queste realtà e i Paesi del Centro ed Est Europa, in particolare verso quelli con grandi tassi di crescita, come la Polonia”.

È questo il concetto espresso dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, durante il convegno ‘Trieste. Ricerca e innovazione lungo la via della seta”, tenutosi al Mib Trieste School of Management con la partecipazione di numerosi relatori di alto profilo, tra cui il vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia, Diego Bravar, e i presidenti di Friulia, Federica Seganti, e della Fondazione internazionale Trieste (Fit), Stefano Fantoni.

Il governatore ha confermato “che il Friuli Venezia Giulia deve essere un hub logistico di primo piano e fungere da punto di raccordo tra l’Estremo oriente, l’Europa e i Paesi dell’Est. È proprio per raggiungere questo obiettivo che la Regione, tramite Friulia, ha favorito l’unione tra l’interporto di Trieste-Fernetti e quello di Cervignano, un’operazione alla quale seguirà l’ingresso di altre realtà. Per consolidare una reale crescita economica, che favorisca le imprese e attragga investitori, la nostra regione deve infatti sviluppare i tratti distintivi che la rendono unica nel panorama internazionale in un’ottica di medio e lungo periodo”.

Fedriga ha infine ribadito che “recentemente il Friuli Venezia Giulia è stato definito dalla Commissione europea l’unica regione italiana fortemente innovatrice. Dobbiamo quindi sfruttare questo asset per assicurarci che il nostro sistema logistico intercontinentale sia al passo con i tempi e favorire non solo il passaggio delle merci, ma anche della conoscenza scientifica, in particolare in campi con rilevanti ricadute economiche come l’Information communication technology (Ict)”.

Leggi anche:

  1. Friuli Venezia Giulia-Cantieristica: Callari, importante collaborazione Regione-Fincantieri
  2. Friuli Venezia Giulia: Pizzimenti, tavolo tecnico per sviluppo attività in laguna
  3. Friuli Venezia Giulia-Porti: Fedriga, incontro costruttivo con sigle confederali
  4. La logistica del Friuli Venezia Giulia a confronto in Interporto di Gorizia – Sdag con Irene Pivetti, presidente di Assoferr
  5. La Regione Friuli Venezia Giulia studia una “no tax area” per il porto di Trieste

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69053

Scritto da Redazione su ott 22 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab