Home » Ambiente, Diporto, Italia, Marinas, Nautica, News, Porti » Progetto Over Sea promosso dalla Camera di Commercio di Sassari per il rilancio dei porti della costa nord-occidentale della Sardegna

Progetto Over Sea promosso dalla Camera di Commercio di Sassari per il rilancio dei porti della costa nord-occidentale della Sardegna

Inizia dal marina di AQuatica il press tour del Progetto Over Sea promosso dalla Camera di Commercio di Sassari per il rilancio dei porti, e del settore turistico collegato, della costa nord-occidentale della Sardegna. L’intento è quello di creare rete tra operatori del settore diportistico, ma anche nell’accoglienza turistica più ampia legata alle strutture ricettive, gastronomiche ed enogastronomiche, di produzione di tipicità locali, commerciali e legate alla tutela dell’ambiente, in aree protette come quelle dalla costa che va dal parco di porto Conte fino all’area di Interesse Comunitario di Bosa.

Tra porto interno e aree esterne il Comune di Alghero ospita 3500 posti barca.
Duemila duecento in porto ad Alghero con AQuatica Marina che ne mette a disposizione 80 in transito, più 60 al Consirzio, per imbarcazioni fino a 70 mt.
Particolare è l’iniziativa del marina di AQuatica per la valorizzazione e sensibilizzazione della tutela ambientale.

Ingresso e soccorso con drone. Il drone accoglie l’imbarcazione e la direge in porto, ma è utile anche in casi di emergenza: su una imbarcazione, per esempio, incagliata in una area difficile da raggiungere per altre imbarcazioni. Non per il drone, però, che porta il cavo guida all’equipaggio in pericolo dove viene collegato alla cima di traino per portare in sicurezza mezzo e uomini. Acquatica marina ha i suoi mezzi certificati al soccorso. Fabrizio Goldoni, direttore del Marina racconta che si tratta di un’iniziativa unica al mondo.

Qui si promuove, anche, il chilometro zero accompagnando o suggerendo i vari mercati locali ai diportisti, sensibilizzando all’utilizzo di materiali in linea con la salvaguardia dell’ambiente.
O ancora: boe intelligenti a scomparsa, fino a 5 mt di profondità con le cime sul fondo, il tutto per evitare l’impatto visivo in una zona parco protetta. Il marina con questa tecnologia (drone, boe intelligenti e pannelli solari) intende uniformarsi all’area protetta.

Cambia anche la visione delle attività professionali, con gli ormeggiatori che diventaranno piloti di drone, e in generale professionisti dell’accoglienza diportistica.

Dalla nostra inviata
Carmen Vesco

Interviste

-Direttore Promocamera Sassari, Luigi Chessa

-Temporary manager QCS consulting, Ornella Porcu


Leggi anche:

  1. Dal Cipe 39 milioni ai porti della Sicilia occidentale
  2. Porti del Nord Sardegna: rinnovo del Comitato Portuale e della Commissione Consultiva
  3. Porti del Nord Sardegna: oltre 900 mila passeggeri in meno nei due porti della Gallura
  4. Porti del Nord Sardegna: parte da Porto Torres il progetto Green Port
  5. Aumenta la crisi nei porti del Nord Sardegna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69101

Scritto da Carmen Vesco su ott 23 2019. Archiviato come Ambiente, Diporto, Italia, Marinas, Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab