Home » Italia, News, Porti, Trasporti » Il Porto di Trieste ospita la riunione dell’IPCSA, International Port Community System Association

Il Porto di Trieste ospita la riunione dell’IPCSA, International Port Community System Association

10 progetti europei aperti nel settore ICT con un budget di 3,4 milioni di euro

Trieste– Dopo il Forum di Pietrarsa 4, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale ha ospitato  la riunione dell’International Port Community System Association (IPCSA), di cui è membro dal 2017.

L’organismo con sede a Londra, riunisce i principali attori globali dello shipping e della logistica e si pone l’obiettivo di trovare le migliori soluzioni tecnologiche per aumentare efficienza, integrazione e sostenibilità del trasporto marittimo.

In particolare, durante la riunione conclusasi oggi, sono stati affrontati temi quali l’adozione di iniziative per facilitare lo scambio di dati tra i diversi attori della catena logistica, il ruolo dei Port Community Systems nel trasporto verso l’hinterland, specialmente quello ferroviario, nonché l’applicazione della blockchain al settore portuale.

Da diversi anni, l’Authority giuliana ha individuato l’applicazione delle nuove tecnologie come elemento essenziale per l’innovazione e la competitività del porto di Trieste, in particolar modo tramite il proprio Port Community System – Sinfomar.

La riunione IPCSA è stata organizzata nell’ambito del progetto Ursa Major neo, co-finanziato dal Programma CEF (Connecting Europe Facility), che è solo uno dei dieci progetti europei nel settore ICT nei quali l’Autorità di Sistema è attualmente impegnata con un budget di circa 3,4 milioni di euro. Quattro di questi mirano a rendere più efficiente l’ingresso e uscita delle merci via camion (Ursa Major neo, PORTIS, FENIX e ISTEN), cinque quello via treno (SMARTLOGI, AlpINNOCT, COMODALCE, PROMARES e Clusters2.0) e uno quello delle navi (INTESA).

“Non molti in Europa possono vantare un Port Community System come il nostro. Il Sinfomar,  è ormai integrato digitalmente con tutte le attività del porto, sia sul lato mare che sul lato terra”, ha dichiarato il presidente Zeno D’Agostino. “La sfida su cui stiamo lavorando ora è quella di integrare tutto il sistema portuale, includendo  anche gli interporti”.

Leggi anche:

  1. IL PORTO DI TRIESTE OSPITA IL CONVEGNO “DISEGNARE IL PORTO DEL FUTURO: HORIZON 2030”
  2. La Port Community di Genova affronta il “dopo crollo”
  3. PORTO DI TRIESTE: SINFOMAR, IL PORT COMMUNITY SYSTEM LA COMUNITÀ PORTUALE
  4. Il Port Community System LISy esteso ai porti della ADSP Mare Adriatico Centrale
  5. Ad Ancona primo sdoganamento in mare e avvio del nuovo Port Community System

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69252

Scritto da Redazione su ott 25 2019. Archiviato come Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab