Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Porto di San Benedetto del Tronto: al via intervento spostamento sedimenti

Porto di San Benedetto del Tronto: al via intervento spostamento sedimenti

Sono stati consegnati oggi i lavori per lo spostamento dei sedimenti all’interno del porto di San Benedetto del Tronto e permettere così un’entrata e un’uscita in sicurezza da parte dei pescherecci. Intervento che è stato previsto dall’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale che si è fatta carico della progettazione, della complessa preparazione amministrativa per realizzarlo, del bando ed  esecuzione dei lavori sopportando tutti i costi relativi.

Prima di iniziare i lavori è stato necessario, come prassi, ripetere la valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi. Purtroppo sono stati rinvenuti sul fondale materiali ferrosi la cui presenza ha allungato i tempi e i costi dell’intervento. L’indagine magnetometrica superficiale ha individuato 98 anomalie ferromagnetiche su cui è stato necessario effettuare una verifica, con i sub, della loro natura. Gli oggetti ferrosi trovati sono risultati tutti di scarto. Ai costi già preventivati, quindi, si dovranno aggiungere quelli di rimozione e smaltimento delle masse metalliche rinvenute sull’area interessata. Costi che saranno quantificati una volta conclusi i lavori di spostamento dei sedimenti e che non si prevedono banali tanto da far schizzare l’ipotesi d’intervento a più di 100 mila euro complessivi.

Completata la bonifica bellica il 30 settembre, è stato necessario attendere il collaudo del Comando logistico della Marina Militare per iniziare i lavori. L’intervento, che è stato affidato all’impresa La Dragaggi srl di Marghera (Venezia), potrebbe iniziare già domani, salvo avverse condizioni meteo, con una durata prevista di una decina di giorni. Riguarderà una superficie di 14 mila metri quadrati, per un volume di sedimenti pari a 9 mila metri cubi per arrivare ad una profondità di 4 metri sul livello medio mare.

“Siamo perfettamente consapevoli del fondamentale valore del settore della pesca e delle attività portuali per la città di San Benedetto del Tronto e per il territorio – afferma il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Rodolfo Giampieri -, per questo il nostro impegno è costante, fin dall’avvio delle attività di questa Autorità di sistema, per rendere operativo e in sicurezza lo scalo e favorirne le attività, coadiuvati dall’impegno dell’Amministrazione comunale, della Regione Marche e della Capitaneria di porto. E’ importante difendere tutti insieme, a cominciare dagli operatori, il valore di un bene comune”.

Leggi anche:

  1. Porto di San Benedetto del Tronto: restauro porzione muro molo nord
  2. Al porto di San Benedetto del Tronto il 17 maggio Italian Port Days
  3. San Benedetto del Tronto: al via il progetto “A pesca di plastica”
  4. Porto di Barletta: l’Adsp MAM avvia l’intervento di spostamento dei sedimenti
  5. SAN BENEDETTO DEL TRONTO: FINITO IL DRAGAGGIO IMBOCCATURA PORTO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69583

Scritto da Redazione su ott 30 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab