Home » Cultura, Italia, News, Porti » Genova: Nel Palazzo Verde del Molo le start-up del Distretto Blu

Genova: Nel Palazzo Verde del Molo le start-up del Distretto Blu

Uno spazio dedicato alle start-up create da giovani e meno giovani. Un incubatore ma anche un acceleratore d’impresa con high tech e blue economy nella stessa sede

Questa mattina nella Sala delle Grida della Camera di Commercio a De Ferrari il sindaco Marco Bucci e l’assessore allo sviluppo economico portuale Francesco Maresca, hanno presentato “Genoa Blue District”, la base logistica che favorisce la nascita delle strat-up legate all’economia del mare.

Avrà sede nei “magazzini dell’abbondanza”, il Palazzo Verde nel quartiere del Molo, il più antico approdo del porto di Genova dove il “saper fare del mare” si perde nella notte dei tempi. Oltre allo spazio fisico, il progetto ha le risorse economiche e le idee necessarie per candidarsi a diventare l’incubatore dedicato alle nuove professioni marittime più importanti del nostro Paese.

“Oggi presentiamo Genova Blue District – ha detto il sindaco Marco Bucci-. Uno spazio dove si possono sviluppare nuove idee, aziende e sistemi legati all’economia del mare. E’ un incubatore già finanziato, ricco di progetti e prospettive. Il modo giusto per indirizzare i canali di sviluppo dell’industria, che a Genova funziona molto bene e che vogliamo, se così si può dire, fertilizzare”.

La nuova struttura, che si può definire un acceleratore di startup interamente dedicato alla blue economy genovese, è stato voluto dal Comune di Genova con il supporto della Camera di Commercio, le fondazioni Carige e San Paolo e Deloitte Officine Innovazione, presente in 150 Paesi con un organico di oltre 210 mila persone.

Di questo avviso anche l’assessore Maurizio Maresca, assessore allo Sviluppo economico portuale e logistico del Comune di Genova: ” da un lato, come ha affermato il sindaco, un incubatore. Dall’atro un acceleratore d’impresa, forte di idee, esperienze e contatti. Il punto di forza della nuova struttura è l’unione di high tech e blue economy in un’unica sede”.

“Non ci può essere sviluppo economico se non c’è una domanda – ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti -. Grazie all’innovazione potremo intercettare filoni di domanda che altrimenti sarebbero soddisfatti altrove. Genova Blue District è un’iniziativa che va in questa direzione, e si affianca al distretto Ligure Tecnologie Marine e al Polo Tecnologie del Mare della Spezia, che raggruppano complessivamente oltre 80 aziende, enti di ricerca e università di questo settore”.

Leggi anche:

  1. AdSP MLO: Incontro a Palazzo San Giorgio con l’Autorità maltese dei trasporti
  2. Blue Economy Summit – Seconda edizione
  3. Incontro sulla Tutela della Salute nel Porto di Genova a Palazzo San Giorgio
  4. Porto di Genova: a Palazzo San Giorgio focus sulla sicurezza sul lavoro
  5. Parte da Genova il tour di Goletta Verde

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69891

Scritto da Redazione su nov 7 2019. Archiviato come Cultura, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab