Home » Ambiente, Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti » Decarbonizzare non significa distruggere la capacità energetica di un sito portuale – industriale europeo

Decarbonizzare non significa distruggere la capacità energetica di un sito portuale – industriale europeo

Non servono convegni per giustificare il lancio di foreste e giardini portuali che non saranno mai funzionali allo sviluppo di un territorio. Mettere dei gerani sui balconi non significa avere l’abitabilità di una casa. E’ urgente e opportuno pensare alla casa che sta per crollare, grazie a scellerate scelte politiche. Nel salutare benevolmente chi (con molto ritardo) riscopre la bellezza di una città – porto, la stessa città  definita per anni  con un “bad appellativo”, riferito ad una marca di sigarette, possiamo dire che la teoria della decarbonizzazione è un assunto politico a favore di un’altra, quella del “new deal”, ancora senza progetti e senza insediamenti occupazionali.

Tutto è iniziato con l’accordo di Parigi del 2015, quando 200 Paesi circa si sono impegnati a contenere l’innalzamento della temperatura del nostro sistema “terra + atmosfera” ai livelli pre-industriali di sotto i 2°C e di perseguire azioni per limitare tale aumento a 1,5°C.  Qualunque sito industriale di produzione energetica si trova, oggi, ad affrontare un aumento di domanda energetica crescente e di soddisfare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. La decarbonizzazione intesa come strategia industriale è da tempo strutturalmente integrata nell’industrie italiane e lo si evince dalla forte riduzione delle intensità emissive (quasi del 20% negli ultimi cinque anni).

Mentre la decarbonizzazione intesa come strategia politica non sta aumentando l’intensità delle unità lavorative dello stesso settore industriale e gli orizzonti di nuovi insediamenti non sono stati ancora finanziati. Non si vuole comprendere che il passaggio al post industriale, detto tecnicamente del low – carbon e non necessariamente altro, non può avvenire per decreto, o con slogan durante qualche convegno di apertura di campagna elettorale (vedasi quello di Brindisi al seguito del governatore pugliese). Occorre una consapevolezza, da parte della politica, ad avere una new – vision industriale e una responsabilità nelle scelte delle necessarie strategie. L’orizzonte temporale del 2030 non è una scadenza neutra, ma una data per iniziare un altro percorso industriale.

Lungo questo percorso si dovrà aumentare l’efficienza di una capacità industriale e minimizzare le emissioni dirette in atmosfera, garantendo anche benefici climatici e ambientali, portando anche impatti positivi sulle comunità locali in termini di sviluppo economico e sociale. Poi occorrerà un “piano delle capacità energetiche “ di uno Stato per definire criteri e quote per stabilire fonti di low – carbon, di gas, di biofuel, di energia elettrica da solare, eolico e sistemi ibridi, l’implementazione di tecnologie per lo stoccaggio e cattura della CO2 e lo sviluppo d’iniziative di economia circolare e altro.

Il sistema industriale degli ultimi decenni, politicamente si è retto su modelli lineari di produzione e consumo, in cui i beni sono prodotti, venduti e utilizzati e scartati come rifiuto a fine vita. Oggi si parla di una crescita circolare che possa ridurre gli sprechi, trasformare gli scarti e dare una nuova vita utile a quanto già esiste.  L’Italia ha tracciato il Piano nazionale integrato energia e clima, approvato da Bruxelles, e che rappresenta una strategia coordinata tra settore elettrico e gas affinché la transizione energetica non si trasformi in un’occasione persa. Una città – porto, polivalente, industriale energetico di una potenza industriale come l’Italia, come riuscirà a declinare un simile scenario nazionale ed internazionale?

Il porto e l’intero cluster dello shipping fanno parte di una catena di approvvigionamento globale e rappresentano un asset fondamentale per la crescita o la decrescita economica di una città, regione, nazione. La domanda/offerta internazionale di servizi e beni legati al trasporto marittimo stanno subendo forti mutamenti; la produzione sta subendo frammentazioni con diversa flessibilità della supply chain. Questo ci porterà a considerare nuove declinazioni del settore navale in genere: la produzione di beni e servizi ci porta a legare insieme l’infrastruttura portuale alle navi e alle rotte; questo ci impone a considerare l’asset portuale prima di una trasformazione delle industrie che gravano su un determinato territorio.

Se si vuole declinare sviluppo industriale con sviluppo economico ed occupazionale, salvaguardando ambiente e salute, occorrerà prima mettere in condizioni infrastrutturali adeguate un porto per poi relazionarlo alle navi e alle rotte. La vicenda “Taranto” ci deve insegnare quanto importante è un’industria (qui dell’acciaio) per l’Italia e per l’Europa: se finisce Taranto, l’Italia intera perde capacità industriale e sarà messa “fuori” dall’Europa, cioè fuori dalle rotte che contano.

Brindisi, come Taranto, rappresenta l’altra faccia della medaglia europea, quella energetica. Perché non pensare di dotare le due aree pugliesi e di sistemi portuali diversi di aree “free – franche” che, unitamente alle Zes, potrebbero garantire nuovi insediamenti industriali ed alternativi? Guerre dei dazi, la strategia Belt & Road dei cinesi, Brexit, nazionalismo e protezionismo, tensioni in Medio Oriente e in America latina, stanno generando incertezze nei settori del trasporto marittimo dei dry cargo, tanker e container. Grandi incertezze le porteranno anche le nuove normative IMO-2020 sulle emissioni inquinanti nel trasporto marittimo e che impongono combustibili con un tenore di zolfo dello 0.5% contro l’attuale del 3,50%.

Seguiranno le trasformazioni tecnologiche che il settore navale si troverà ad affrontare: diffusione dell’innovazione nelle comunicazioni e la digitalizzazione. Bene ha fatto il cluster marittimo – portuale di Brindisi, (Propeller Club Port, Operatori portuali tutti, Sindacati, CNA e Confindustria), a chiedere un tavolo di crisi per affrontare il passaggio delicato della decarbonizzazione.  Tale processo influenzerà soprattutto il porto, terminal e retroportualità e per questo si chiedono garanzie; se si vorranno garantire beni e servizi alle industrie per le trasformazioni dei prodotti e sviluppo economico per un territorio occorrerà partire dal porto per avere una nuova visione di città.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Grandi Compagnie marittime più sensibili a decarbonizzare rispetto alle piccole
  2. SOLLEVAMENTO, MOVIMENTAZIONE PORTUALE E INDUSTRIALE, TRASPORTO PESANTE: LE IMPRESE ABILITANTI LO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE DEL PAESE SI RACCONTANO AL GIS DI PIACENZA, DAL 3 AL 5 OTTOBRE
  3. AdSP MAM: Documento di Pianificazione Strategica di Sistema Portuale e Documento di Pianificazione Energetica Ambientale di Sistema Portuale
  4. MED 2: a Tangeri, in Marocco, la più grande capacità portuale del Mediterraneo
  5. Presentazione progetto di riempimento del sito portuale di Vado Ligure con materiale proveniente dalle Cave di Carrara con partenza dallo scalo di Marina

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70259

Scritto da Abele Carruezzo su nov 16 2019. Archiviato come Ambiente, Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab