Home » Cantieri, Diporto, Infrastrutture, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » Genova: Amico & Co, nuovo ShipLift per megayacht

Genova: Amico & Co, nuovo ShipLift per megayacht

Permette di ospitare imbarcazioni fino a 95 metri

Genova– Amico & Co, società genovese tra le prime al mondo nel settore delle riparazioni e ristrutturazioni di super e mega yacht, ha inaugurato lo ShipLift, l’infrastruttura innovativa e all’avanguardia che permette di lavorare fino a sei unità di grandi dimensioni in contemporanea, seguendo il trend di crescita del mercato, e consolida la leadership internazionale del cantiere.

Infatti, con una portata di 4000 tonnellate, ShipLift – costituito da una piattaforma sommergibile, alloggiata all’interno di una struttura dedicata – permette di sollevare a piano banchina, attraverso argani sincronizzati, imbarcazioni fino a 95 metri di lunghezza. Completano l’infrastruttura il sistema di carrelli su rotaie per la loro movimentazione a terra e 5 ulteriori postazioni di lavoro, ottenute potenziando e ristrutturando un’area di 25.000 m2. Il sistema, totalmente elettrificato, è a emissione zero in situ.

“La realizzazione dello ShipLift nasce dalla volontà di continuare a competere da leader sul mercato mediterraneo della nautica dei grandi yacht. – ha commentato Alberto Amico, presidente Amico & Co – ShipLift è un risultato che ci rende orgogliosi e premia la forza generata dalla nostra cultura del lavoro, del servizio, della creatività e della specializzazione tipiche del Made in Italy. Siamo convinti che rappresenti una grande opportunità e un’occasione per rendere Genova un hub di riferimento mondiale per gli yacht grandi e grandissimi, attivando e potenziando un sistema economico di qualità che genera sviluppo e benessere su tutto il territorio, con una notevole ricaduta, anche culturale, sulla città.”

La nuova infrastruttura ha comportato un investimento totale di oltre 27 milioni di euro, ritenuto ammissibile a contributi pubblici ai sensi della Legge 181/89. Con delibera di Invitalia del 23 novembre 2017 sono stati concessi contributi in conto capitale fino a un massimo di euro 4 milioni di euro e un finanziamento agevolato fino a un massimo di 13 milioni di euro.

La costruzione del nuovo ShipLift, che porta un contributo decisivo al rafforzamento competitivo del polo genovese, ha coinvolto 84 aziende – tutte italiane a eccezione di Enerpac –  per un totale di 200 addetti che hanno lavorato in cantiere per quasi un anno e mezzo. In particolare, Scandiuzzi SpA, industria metalmeccanica trevigiana, si è occupata della costruzione della piattaforma, mentre l’azienda olandese Enerpac ha effettuato la progettazione e realizzazione del sistema di trasferimento delle imbarcazioni dalla zona di sollevamento al piazzale attraverso i carrelli.

Lo ShipLift e le nuove postazioni di lavoro completano e arricchiscono le infrastrutture produttive di Amico & Co, già operative sulla concessione originaria, tra cui un bacino di carenaggio per navi fino a 102 metri di lunghezza, 4.500 m2 di laboratori per lavorazioni specialistiche, 10 slot al coperto per lavorazioni su imbarcazioni da 50 a 70 metri di lunghezza e 5 fino a 95 metri di lunghezza, una darsena tecnica con ormeggi interni ed esterni protetti, in grado di ospitare in specchi acquei complessivi di circa 13.000 m2 navi fino a 110 metri di lunghezza e banchine e piazzali elettrificati.

“Quando si raggiunge un traguardo, si è portati a fare un bilancio del cammino fatto fin qui. Voglio ringraziare tutte le altre aziende del comparto e le istituzioni locali che l’hanno reso possibile. Tra questi in particolare Autorità Portuale, che ha dato fiducia via via ai nostri progetti di investimento, e che abbiamo ripagato valorizzando il demanio marittimo con dotazioni infrastrutturali destinate a rimanere acquisite al patrimonio del demanio stesso. Insieme, abbiamo dato corpo a un modello a nostro avviso virtuoso di rapporto tra mano pubblica ed iniziativa privata.” – ha concluso Bruno Guglielmini, Amministratore Delegato Amico & Co.

Complementare allo ShipLift è inoltre il progetto presentato da Amico & Co per la riqualificazione di parte della Darsena Nautica che partirà nei prossimi mesi e che costituisce l’ulteriore importante tassello nell’offerta integrata di servizi. Opportunamente attrezzata con banchine e servizi, la Darsena si propone di diventare un Marina dedicato all’accoglienza di grandi yacht, equipaggi, armatori, cittadini ed essere, ogni anno, la cornice del Salone Nautico di Genova.

Una serata di festa concluderà la giornata inaugurale dello ShipLift, con la partecipazione delle istituzioni. Interverranno: il Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, il Comandante della Capitaneria di Porto di Genova, Amm. Nicola Carlone, il Presidente di Confindustria Genova, Giovanni Mondini, il Presidente di Camera di Commercio di Genova, Luigi Attanasio, il Sindaco di Genova, Marco Bucci e il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti.


Leggi anche:

  1. Approdata a Genova la nuova nave da crociera Sky Princess
  2. Porto di Genova: Container, nuovo primato
  3. Porto di Genova-Container: nuovo record a luglio
  4. Un nuovo servizio MSC a Genova per il Canada
  5. Porto di Livorno: nuovo approdo megayacht da 600 posti barca

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70815

Scritto da Redazione su dic 3 2019. Archiviato come Cantieri, Diporto, Infrastrutture, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab