Home » Ambiente, Europa, Internazionale, News, Porti, Trasporti » Gothenburg: il porto svedese apre alla sostenibilità

Gothenburg: il porto svedese apre alla sostenibilità

Con una dichiarazione sottoscritta qualche giorno fa, il Porto di Goteborg, insieme ad altri dieci porti scandinavi, ha accettato di cooperare, scambiare informazioni e condividere strategie sostenibili riguardanti l’ambiente e il clima. Mettendo al centro gli accordi di Parigi, i porti del Nord Europa si preparano ad innovare e a realizzare nuovi modelli d’impresa portuale, collegando i nodi del commercio globale e dell’economia mondiale attraverso l’intermodale.

Al via, dunque, nei prossimi mesi, un tavolo di lavoro con il quale discutere, cooperare e condividere Best Practices riguardo tematiche ambientali. Con particolare attenzione agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile connessi a: consumo energetico e fonti energetiche alternative; tecnologie per la riduzione dell’inquinamento, in particolare per le emissioni nell’aria e nell’acqua.

Particolare attenzione verrà data alle operazioni di terminal container, alla sosta delle navi in porto, ma anche in quelle in navigazione nelle acque territoriali. Infine, perseguire obiettivi di tutela della biodiversità e prevenzione delle specie invasive. Inoltre, i Porti si impegneranno a condividere conoscenze e approfondimenti su: soluzioni innovative per migliorare l’ecosistema,  collegando sempre di più scienza, industria e start-up.

“Nessuno può risolvere da solo le sfide climatiche, la cooperazione e il consenso tra i porti e gli altri attori devono proseguire. Più lavoriamo insieme e scambiamo esperienze, più diventeremo forti e migliori collettivamente”, ha dichiarato Edvard Molitor, Direttore Ambientale presso l’Autorità Portuale di Goteborg. Oltre al Porto svedese, vi sono altri  porti “green” aderenti all’iniziativa, come: Stoccolma, Helsingborg, Malmö/ Copenhagen, Aarhus, Esbjerg, Oslo, Helsinki, Torshavn and Faxaports in Islanda.

Per aumentare l’impatto del programma, la rete delle autorità portuali chiede ai governi di adottare politiche globali – o, per lo meno, internazionali – per la determinazione della riduzione di CO2, e di fornire sostegno al finanziamento di progetti pilota e di Ricerca e Sviluppo. La sfida riguarda ormai tutti. Le organizzazioni delle autorità portuali invitano l’industria marittima, e gli altri porti, ad aderire all’impegno di rispettare l’accordo di Parigi e di lavorare insieme su azioni che producano risultati misurabili.

 

Elide Lomartire

Leggi anche:

  1. ALIS alla due giorni di F&L a Napoli: “La sostenibilità come unica scelta responsabile da compiere”
  2. Container traffic at the Port of Gothenburg on the rise – despite uncertain market situation
  3. BiLog: Alla Spezia due giorni per parlare sostenibilità, resilienza e connessione in campo marittimo
  4. ALIS: con l’adesione del Porto di Rostock come socio onorario il cluster continua a crescere in Europa e si apre alla Germania
  5. Porto di Ancona-Incontro pubblico Ancona e le crociere: sviluppo e sostenibilità

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70855

Scritto da Elide Lomartire su dic 3 2019. Archiviato come Ambiente, Europa, Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab