Home » Nautica, News, Porti » Dichiarazione del presidente dell’AdSP MAS, Musolino all’assemblea dei lavoratori dei porti di Venezia e Mestre

Dichiarazione del presidente dell’AdSP MAS, Musolino all’assemblea dei lavoratori dei porti di Venezia e Mestre

Invitato a intervenire all’assemblea dei lavoratori dei porti di Venezia e Chioggia questa mattina a Mestre, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Pino Musolino ha dichiarato:

“Essere qui oggi a parlare di emergenza e di sopravvivenza di un sistema portuale che è tra i più performanti del Paese è veramente triste e purtroppo non ce lo meritiamo ma il fatto che ci troviamo assieme – lavoratori aziende e AdSP – è di per sé un segnale di speranza, perché dimostra che siamo uniti nel sostenere l’importanza dei nostri porti per l’area metropolitana e per l’intera Regione in termini di mantenimento e rilancio dell’occupazione, di crescita economica e di creazione di valore e d’innovazione.

Da quando mi sono insediato, ho sempre sostenuto con forza, presso le sedi locali e nazionali, l’urgenza di effettuare gli escavi manutentivi necessari per garantire e migliorare l’operatività dei terminal. Ora ci troviamo in una situazione emergenziale e, dopo tante promesse, attendiamo ancora un protocollo fanghi aggiornato e il relativo piano morfologico della Laguna che deve individuare i siti di conferimento per i sedimenti scavati. Così come attendiamo di realizzare il palancolamento, già approvato in commissione di Salvaguardia, della cassa di colmata B che continua a ri-disperdere fanghi nel canale Malamocco-Marghera riducendone progressivamente il pescaggio. Le risorse finanziarie le abbiamo già stanziate ma non possiamo usarle per svolgere il lavoro che siamo tenuti a fare per legge.

Una tappa fondamentale nella nostra battaglia per mantenere viva l’economia e il lavoro nelle nostre città sarà il passaggio in Salvaguardia il prossimo 19 dicembre per l’innalzamento di un metro del sito di conferimento dell’Isola delle Tresse che potrebbe accogliere 1 milione di metri cubi di sedimenti. Un’altra è il Comitatone che si aggiornerà il 20 dicembre a Roma.

Noi intendiamo lavorare e spingere con tutte le nostre forze affinché le nostre città continuino ad essere dei luoghi pieni di vita e di lavoro contro chi vorrebbe creare dei musei a cielo aperto fuori dal tempo e dalla storia e se la prossima settimana riceveremo nuovamente risposte ostili o evasive, allora sarà giunto il momento di chiedere alle persone che ostacolano quotidianamente le oltre 1.200 aziende e i loro 19.000 lavoratori di fare un passo avanti, di mostrare la faccia e di spiegare apertamente perché vogliano far scientemente morire i nostri porti”.

Leggi anche:

  1. Il Presidente Musolino invita le compagnie crocieristiche a raccogliere fondi per Venezia e la laguna colpite dall’acqua alta eccezionale
  2. VIA DELLA SETA: MUSOLINO A SHENZHEN FIRMA PER ASSOPORTI DICHIARAZIONE D’INTENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELLE CATENE LOGISTICHE E L’INNOVAZIONE
  3. PORTO DI VENEZIA: ACCORDO RAGGIUNTO CON I LAVORATORI DELLA NUOVA CLP
  4. SCIOPERO DIPENDENTI NUOVA CLP: PRES MUSOLINO “TUTELARE I LAVORATORI MA NON SI PUÒ BLOCCARE IL LAVORO DEI TERMINAL PER VICENDE LEGATE A DINAMICHE INTERNE ALLA SOCIETÀ NCLP”
  5. Porti: sciopero nazionale di 24 ore dei lavoratori dei porti per il 6 marzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71151

Scritto da Redazione su dic 11 2019. Archiviato come Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab