Home » Internazionale, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » Sanzioni USA colpiscono il porto di Ventspils, in Lettonia

Sanzioni USA colpiscono il porto di Ventspils, in Lettonia

Napoli. Per giusta informazione, il Direttore Managing P&I della Cincotti & Partners, Tommaso Alessio Salemme, precisa che le sanzioni operate dagli Stati Uniti riguardano il Porto di Ventspils in Lettonia. La C&P costituita nel 2009 vanta un’esperienza ultra ventennale dei suoi operatori, ed ha lo scopo di fornire ai propri Clienti: consulenza ed assistenza in ogni fase della vicenda assicurativa in particolare modo nella individuazione dei rischi da trasferire a terzi mediante l’assicurazione.

Molto attiva è l’esperienza nel settore dello shipping internazionale; la rete interna con sede a Napoli, copre Londra, Genova, Livorno, Ravenna e Palermo tramite ventotto legali marittimisti, esperti nelle varie disposizioni normative, e periti tecnici/merceologici di pluriennale esperienza e professionalità, sempre nell’assistere gli Armatori e Spedizionieri e rispettivi P&I Clubs e nel ricercare soluzioni condivise nelle diverse situazioni di eventuali sinistri marittimi.

Comunicato. L’avviso informativo è stato indirizzato ieri dallo “The Swedish Club” di Göteborg a tutte le agenzie di shipping internazionale e a tutti i Membri del Club. Il 9 dicembre, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, tramite l’Ufficio per il Controllo delle Attività Estere (OFAC) ha deferito all’Autorità Giudiziaria, sollevandolo dall’incarico, un ex funzionario del Governo lettone, Sig. Aivars Lembergs, insieme a quattro società: l’Autorità Freeport di Ventspils, la Ventspils Attistibas Agentura, l’Associazione Biznesa Attistibas e l’Associazione Latvijas Tranzita Biznesa. L’azione sanzionatoria è coincisa con la Giornata Internazionale Anticorruzione (UN del 2003), prendendo di mira attori corrotti e le loro reti in numerosi paesi in Europa, Asia e America Latina.

Questo ai sensi dell’Ordine Esecutivo (E.O.) 13818, che si basa e attua la Legge sulla responsabilità dei diritti umani Global Magnitsky. Inoltre, sono stati designati anche due funzionari venezuelani corrotti, ai sensi del Venezuela E.O. 13692, e successive modifiche, alla luce dei loro ruoli di guida durante il regime di Maduro. Pertanto si consiglia ai Membri dello Swedish Club che intendono chiamare il Porto di Ventspils di chiedere consulenza legale allo stesso Club,  oppure farsi rappresentare da Studi specializzati in  sanzioni come il caso di Cincotti & Partners.

Sanzioni. Tutti i beni e gli interessi in proprietà degli individui e delle entità, e di qualsiasi entità posseduta, direttamente o indirettamente, al 50% o più da loro, individualmente o con altre persone designate, che sono negli Stati Uniti o in possesso o controllo di persone statunitensi, sono bloccati e devono essere segnalati all’OFAC. A meno che non sia autorizzato da una licenza generale o specifica rilasciata da OFAC o altrimenti esente; le normative OFAC proibiscono in genere tutte le transazioni effettuate da persone statunitensi o all’interno (o in transito) degli Stati Uniti che comportano proprietà o interessi in proprietà di persone designate o altrimenti bloccate.

Il Governo Lettone. Ha deciso di assumere la gestione del Porto di Ventspils a causa dell’inclusione delle Autorità di Freeport di Ventspils nell’elenco delle sanzioni. L’insieme delle sanzioni riguarda le attività del Sindaco Ventspils, Sig. Aivars Lembergs, contro il quale sono stati avviati numerosi processi amministrativi e penali, compresi i processi per crimini commessi in Lettonia. Recentemente, Lembergs ha annunciato le proprie dimissioni dall’Autorità di Freeport.  Le inchieste concernenti gli atti legislativi sono in fase di sviluppo. Il Governo sta inoltre negoziando con le Autorità USA per escludere dall’elenco delle sanzioni la Freeport Authority di Ventspils, visto che ancora  sono bloccati conti bancari con danni sui mercati finanziari.

 

Swedish Club. Prevede che questa situazione sarà presto risolta e raccomanda ai Membri del Club di attendere che la situazione sia risolta prima di fare qualsiasi pagamento alle Autorità di Freeport di Ventspils. Se devono fare un pagamento per entrare o uscire dal porto, contattare gli specialisti del Club. Si prenderà in considerazione ciascun caso separatamente e saranno forniti i consigli su come procedere.

S’informano inoltre i Membri del Club che il Governo della Lettonia ha deciso di assumere la direzione anche della Freeport di Riga. Le Autorità di Freeport di Riga non figurano nell’elenco delle sanzioni, ma sono membri di una delle Associazioni presenti nell’elenco. Attualmente non ci sono informazioni su eventuali conseguenze reali per le Autorità Portuali. The Swedish Club sta monitorando la situazione e informerà se le Autorità di Freeport di Riga hanno delle difficoltà che possano interessare tutti i Membri del Club.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Sanzioni per la petroliera iraniana Adrian Darya 1 che viaggia verso la Siria
  2. Clima: approvato decreto legislativo sanzioni emissioni trasporto marittimo
  3. SANZIONI IN MATERIA DI PESCA: IMPORTANTI NOVITA’ LEGISLATIVE
  4. Unione Europea: sanzioni iraniane
  5. La UE libera dalle sanzioni porti libici

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71230

Scritto da Abele Carruezzo su dic 15 2019. Archiviato come Internazionale, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab