Home » Ambiente, Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Firmato il contratto per la realizzazione dell’Antemurale di Porto Torres

Firmato il contratto per la realizzazione dell’Antemurale di Porto Torres

L’iter per la realizzazione dell’Antemurale di Porto Torres entra ufficialmente nel vivo. Oggi a Cagliari, il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna, Massimo Deiana, ed il rappresentante legale della Sales Spa, Pasquino Zambernardi, hanno firmato il contratto d’appalto per la realizzazione dei lavori di prolungamento dell’Antemurale di ponente e la resecazione della banchina alti fondali del porto civico di Porto Torres.

Un’opera il cui iter è stato avviato nel lontano 2013 con la sottoscrizione, tra ex Autorità Portuale e Regione Sardegna, della convenzione prevista della Programmazione Attuativa Regionale FSC 2007/2013, dedicata alle attività di adeguamento delle infrastrutture portuali di rilievo nazionale. Percorso che, due anni più tardi, ha visto l’aggiudicazione dei lavori alla Sales Spa, per un totale di circa 29 milioni e 241 mila euro (pari al 18,61 per cento di ribasso sull’importo a base d’asta).

La firma odierna sancisce il passaggio ad una fase operativa del cantiere, consegnato anticipatamente nel dicembre 2018 per l’avvio delle attività ante operam – ancora in parte in atto – previste dalle prescrizioni imposte dal Ministero dell’Ambiente col Decreto VIA nel mese di febbraio dello stesso anno. Tra queste, i monitoraggi sulle correnti e sulla presenza di cetacei; i rilievi topo – batimetrici, le indagini preventive per la presenza di eventuali residuati bellici, lo spostamento del fortino, la caratterizzazione dei sedimenti; per concludere con l’espianto ed il reimpianto, in aree limitrofe a quelle dei lavori, della posidonia e l’installazione di dissuasori antistrascico – con funzione anche di ripopolamento ittico – nel Parco naturale marino dell’Asinara.

Un punto fondamentale, previsto nel contratto firmato oggi, è quello che riporta la realizzazione dei cassoni a Porto Torres, previa acquisizione delle necessarie autorizzazioni ambientali e paesaggistiche. Obiettivo, questo – peraltro contemplato nell’offerta presentata in gara – che genererà importanti ricadute economiche sul territorio e, aspetto non secondario, garantirà una più agevole gestione dei lavori.

Dalla firma odierna, la Sales avrà 30 giorni per presentare il progetto definitivo ed esecutivo e, una volta validato dall’AdSP, l’impresa potrà avviare gli interventi che dovranno essere ultimati entro 726 giorni naturali dalla data del verbale di consegna lavori. “Quello odierno è un punto di svolta fondamentale per l’iter di realizzazione dell’Antemurale di Porto Torres – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – .

Con la firma del contratto, che segue tutta la fase di monitoraggio ante operam previsto dalla Decreto VIA, apriamo la fase operativa del cantiere. Il mio auspicio è che il tutto possa procedere celermente e che, salvo diverso avviso degli Enti competenti in materia ambientale e paesaggistica, i cassoni cellulari si possano realizzare in loco. Un aspetto, questo, che sono certo potrà generare ricadute positive sul territorio sia in termini economici che occupazionali”.

Leggi anche:

  1. Regione Liguria, firmato il protocollo d’intesa per la promozione e realizzazione in Liguria di una rete di distribuzione di gas naturale liquefatto
  2. Porto Torres: via libera a utilizzo della banchina Alti fondali
  3. Ripartono i lavori per la realizzazione del terminal passeggeri a Porto Torres
  4. Porto di Salerno: firmato il contratto per la realizzazione della nuova imboccatura dello scalo
  5. Porto Torres: al via i lavori per la realizzazione del “Primo lotto Darsena Enti di Stato”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71381

Scritto da Redazione su dic 17 2019. Archiviato come Ambiente, Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab