Home » Ambiente, Infrastrutture, Internazionale, News, Porti » Coal 2019: decarbonizzare all’ovest, ma non all’est

Coal 2019: decarbonizzare all’ovest, ma non all’est

Johannesburg. L’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE) durante la presentazione del Rapporto 2019 sul consumo del carbone nel mondo e previsioni per il 2024 – Coal 2019 – ha dichiarato che si prevede una diminuzione della domanda globale di carbone nel 2019, ma si manterrà sostanzialmente stabilmente nei prossimi cinque anni, perché sostenuta da una forte crescita nei principali mercati asiatici.

La debolezza della domanda di carbone di quest’anno deriva principalmente dalle centrali elettriche, alimentate a carbone per produrre elettricità, che hanno subito una diminuzione del 25% in tutto il mondo (pari a oltre 250 terawattora – TWh -), con il maggiore picco negli Stati Uniti e in Europa. L’AIE si dichiara prudente nell’affermare che si tratti di un inizio di tendenza duratura sul calo globale della produzione di energia elettrica da carbone; e si prevede che le fonti rinnovabili forniranno una parte importante dell’aumento della domanda globale di elettricità nei prossimi cinque anni.

Questo significa che il carbone rimane di gran lunga la principale fonte di energia in tutto il mondo; le tendenze globali dipenderanno in gran parte dalla Cina, dove metà del quantitativo di carbone mondiale viene prodotto consumato. Come dire l’Italia e definita “denuclearizzata”, però è circondata da Paesi che producono e consumano energia nucleare. Anche se in Europa, la nuova Commissione spinge sul “green deal”, questo non vuol dire la fine del carbone, poiché la domanda continua a espandersi in Asia: la quota di questa regione nella produzione globale di carbone è passata da poco più del 20% nel 1990 a quasi l’80% nel 2019, il che significa che il destino del carbone è sempre più legato alle decisioni prese nelle capitali asiatiche.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Decarbonizzare non significa distruggere la capacità energetica di un sito portuale – industriale europeo
  2. Grandi Compagnie marittime più sensibili a decarbonizzare rispetto alle piccole
  3. Friuli Venezia Giulia-Dragaggi: Bini, programma triennale per navigabilità canale Est Ovest
  4. Decarbonizzare le navi non basta
  5. Passaggio a Nord Ovest: il porto di Vancouver crescerà

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71439

Scritto da Abele Carruezzo su dic 18 2019. Archiviato come Ambiente, Infrastrutture, Internazionale, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab