Home » Ambiente, Cultura, Eventi, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Taranto: Cambiamenti climatici. Gli scienziati fanno il punto

Taranto: Cambiamenti climatici. Gli scienziati fanno il punto

Il 30 gennaio a Taranto un seminario organizzato dall’Università e dal Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici.
I cambiamenti climatici influiscono su molti aspetti del nostro territorio e della nostra società: attività produttive, salute pubblica, tempo libero, la qualità dell’ambiente marino e terrestre, la produzione e consumo di energia, cibo e molto altro.

La comunità scientifica lavora costantemente per produrre conoscenze concrete e affidabili su come cambierà il territorio nei prossimi decenni in conseguenza del clima, quali impatti possiamo attenderci e come affrontarli. Dalla collaborazione tra la scienza e gli attori del territorio (enti pubblici, aziende, associazioni, cittadinanza) nascono quelle iniziative che, a partire da scenari futuri, disegnano strategie e azioni per intervenire oggi e renderci pronti per gli anni che verranno.

Il 30 gennaio a Taranto, nell’ex Cappelletta della caserma Rossarol, sede del Dipartimento Jonico dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, si terrà un seminario con la partecipazione di scienziati ed esperti per analizzare le principali sfide legate ai cambiamenti climatici, le conseguenze e le soluzioni su cui è possibile lavorare.

Saranno presenti: Giovanni Coppini, Direttore della Divisione Ocean Predictions and Applications della Fondazione CMCC, Alfredo Reder, esperto di modelli regionali ed impatti geo-idrologici della Fondazione CMCC, Fabrizio Antonioli, ricercatore Sea Level, Domenico Capolongo, del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari, Cataldo Pierri, del Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, Bruno Notarnicola, docente di Ecologia industriale e presidente della Rete Italiana LCA e Pietro Vito Chirulli, imprenditore, amministratore unico di Serveco.

L’evento sarà l’occasione per conoscere nel dettaglio le sfide che attendono la nostra società nel breve e nel lungo periodo, ma anche l’occasione di riflettere sulle conseguenze di alcune nostre azioni quotidiane. La partecipazione all’evento è gratuita.

Programma:

Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto: Saluti
Prof. Riccardo Pagano, direttore del Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici e Economici del Mediterraneo: società, ambiente, culture – UNIBA: Saluti
Prof. Giuseppe Mastronuzzi, direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali – UNIBA: Saluti
Dott. Giovanni Coppini, Fondazione CMCC: Il futuro del mare in un clima che cambia
Dott. Alfredo Reder, Fondazione CMCC: Scenari di cambiamento climatico a scala nazionale e locale
Dott. Fabrizio Antonioli, ricercatore Sea Level: Effetti delle variazioni del livello del mare
Prof. Domenico Capolongo, Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali – UNIBA: Il dissesto idrogeologico nel clima che cambia
Dott. Cataldo Pierri, del Dipartimento di Biologia  – UNIBA: Biodiversità marina e cambiamento climatico: specie aliene vs specie native
Bruno Notarnicola, Professore di Ecologia industriale e Scienze merceologiche e presidente della Rete Italiana LCA: L’approccio del Ciclo di Vita per l’identificazione e la minimizzazione dei gas serra
Pietro Vito Chirulli, Imprenditore e Amministratore Unico di Serveco srl: Cambiamenti climatici e sistemi economici

Leggi anche:

  1. GREENPEACE LANCIA OPERAZIONE “MARE CALDO” PER MISURARE GLI IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUI NOSTRI MARI
  2. Venezia: Costa, occorrono scelte coraggiose contro cambiamenti climatici
  3. Regione Toscana-Erosione e cambiamenti climatici: se ne parla alla Normale l’8 ottobre
  4. L’Europa e la sfida ai cambiamenti climatici
  5. Durban: Cina sui cambiamenti climatici

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72018

Scritto da Redazione su gen 20 2020. Archiviato come Ambiente, Cultura, Eventi, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab