Home » Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Porto di Trieste-Monti: «Bene che si affronti la questione. La politica deve dare risposte in tempi brevi»

Porto di Trieste-Monti: «Bene che si affronti la questione. La politica deve dare risposte in tempi brevi»

«Accogliamo con favore il fatto che si affronti la questione del porto di Trieste nell’ottica di sfruttare al meglio le opportunità offerte dal porto franco internazionale, pagando meno tasse e cercando di creare posti di lavoro», afferma il referente della Comunità del Patto per l’Autonomia di Trieste, Federico Monti, riferendosi alla proposta di legge presentata dall’onorevole Serracchiani, elaborata anche con il supporto della senatrice Rojc e preceduta dagli incontri tenutisi a Roma dai rappresentanti del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste CLPT.

«Se approvata, si potrà usufruire di interpretazioni univoche su quanto riguarda gli status di extradoganalità e internazionalità dello scalo triestino, passo precursore per la piena operatività del porto franco e dei punti franchi ad esso afferenti», afferma Monti, che sollecita: «La politica deve dare risposte in tempi brevi sul futuro del porto di Trieste, le cui prospettive di sviluppo – se gestite in un’ottica di sistema – possono avere ricadute positive su tutto il territorio regionale».

Il Patto per l’Autonomia considera altresì inopportune e insensate le critiche mosse da esponenti della maggioranza riguardo la dovuta partecipazione del Segretario Generale del Porto Mario Sommariva all’incontro di presentazione della proposta di legge e ricorda, nel contempo, come lo stesso movimento con una interpellanza promossa dalla Comunità triestina del Patto, già nell’ottobre del 2018 ha chiesto alla Giunta di esprimersi riguardo all’applicazione dell’allegato VIII del Trattato di Pace, ma che nessuna risposta è mai pervenuta in merito: siamo forse di fronte all’ennesimo tentativo di depotenziare lo scalo triestino?

Leggi anche:

  1. Dall’Europa 45 milioni per lo sviluppo del porto di Trieste
  2. UN FRANCOBOLLO EMESSO DAL MISE PER OMAGGIARE I 300 ANNI DEL PORTO FRANCO DI TRIESTE
  3. 5° OPEN DAY DEL PORTO DI TRIESTE, ISCRIZIONI SOLD OUT IN POCHI GIORNI
  4. AL PORTO DI TRIESTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI FRANCESCO DE FILIPPO “LA NUOVA VIA DELLA SETA. VOCI ITALIANE SUL PROGETTO GLOBALE CINESE”
  5. Porto di Pescara: Mascia chiede tempi brevi alla procura

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72223

Scritto da Redazione su gen 24 2020. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab