Home » Cultura, Eventi, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Dibattito a Jesi: “Portualità adriatica da Federico II alla Nuova Via della Seta” e discussione del volume di Alfonso Mignone “La riforma portuale di Federico II”

Dibattito a Jesi: “Portualità adriatica da Federico II alla Nuova Via della Seta” e discussione del volume di Alfonso Mignone “La riforma portuale di Federico II”

Sabato 15 febbraio ore 17.30 a Jesi la Fondazione Federico II, con il patrocinio del Comune di Jesi e la collaborazione di Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e Propeller Club Port of Ancona, organizza un incontro dibattito su “Portualita’ adriatica da Federico II alla Nuova Via della Seta”. Nella città natale dello “Stupor Mundi” si discuterà, tralaltro, del volume di Alfonso Mignone “La riforma portuale di Federico II” uscito nel 2017 ma che ancora fa parlare di sé il Cluster Marittimo.

Federico II scelse come porti adriatici export oriented Pescara, Rivoli (poi scomparsa a favore di Siponto prima e di Manfredonia poi), San Cataldo di Bari (poi inglobata nel porto di Bari).
L’Adriatico, per il Regnum Siciliae, era già porta per i traffici marittimi verso l’Oriente, e tuttora riveste il ruolo di mare vitale per il commercio. Dopo il dominio di Venezia diviene mare asburgico prima e italiano e dei paesi balcanici poi.

La Rotta Adriatica è attualmente il terminale della Maritime Silk and Road (via della Seta Marittima) che parte dai porti cinesi e attraversa Oceano indiano, Mar Rosso, Canale di Suez, Mediterraneo fino a Trieste e Venezia.

Ancona, anche se meno di Venezia e Ragusa (l’odierna Dubrovnik) è storicamente un ex Repubblica Marinara che diede grande impulso alle attività marittime commerciando con i Regni latini e con l’Impero di Costantinopoli, istituendo fòndaci nell’oltremare islamico (Ifriqya, Egitto, Cipro, Siria e Palestina) e legiferando in materia (Statuti Anconitani del Mare 1387).

Considerato lo scenario geopolitico odierno e la riforma legislativa dei porti italiani nel 2016 quale futuro per lo scalo dorico?

Leggi anche:

  1. Novità editoriale del nuovo anno è “Tutela comunitaria del passeggero tra normativa e giurisprudenza” dell’avvocato Alfonso Mignone, specializzato in diritto dei trasporti e della navigazione
  2. Via della Seta: i porti veneti a sostegno della rotta Adriatica per abbattere le emissioni di CO2
  3. La riforma portuale di Federico II e la portualità meridionale
  4. La riforma portuale di Federico II: a Brindisi il 25 gennaio
  5. “La riforma portuale di Federico II”: presentazione a Bari il 28

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72502

Scritto da Redazione su feb 4 2020. Archiviato come Cultura, Eventi, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab