Home » Internazionale, Italia, News, Porti, Trasporti » Assoporti: nessun caso Coronavirus su navi arrivate in Italia col Ministero della Salute per controlli più serrati

Assoporti: nessun caso Coronavirus su navi arrivate in Italia col Ministero della Salute per controlli più serrati

Roma- L’attenzione dimostrata sul tema Coronavirus dal Ministero della Salute conferma quanto abbiamo sostenuto nei giorni scorsi: occorre evitare allarmismi frutto di disinformazione oppure notizie frammentarie e incomplete, che potrebbero essere molto dannosi per la portualità nazionale. Le autorità lavorano tutte a stretto contatto e l’attenzione è alta, con un monitoraggio continuo.

A tal proposito vorrei sottolineare che al momento non si è verificato alcun caso di coronavirus all’interno delle navi, sia merci che passeggeri, approdate in questi giorni e che al personale che lavora nei porti in questi giorni verrà fornito tutto quanto necessario per poter operare al meglio. “  ha dichiarato Daniele Rossi presidente di Assoporti,  “A rafforzare il nostro operato il Ministero della Salute ha diramato una circolare contenete disposizioni per tutti gli uffici di Sanità Marittima nei porti.

Nella circolare è previsto per ogni nave, a prescindere dalla provenienza, di richiedere il rilascio della Libera Pratica Sanitaria (c.d. LPS) al locale ufficio di Sanità Marittima. La LPS dovrà essere corredata, tra l’altro, oltre che dalle dichiarazioni in materia sanitaria, anche dall’elenco dei porti toccati negli ultimi 14 giorni. Nel caso sia ritenuto necessario, l’Autorità Marittima fornirà adeguato supporto.”

Leggi anche:

  1. AdSP MACS: Emergenza Coronavirus- Assemblea informativa
  2. Coronavirus: Assoporti interviene sulle potenziali ripercussioni di allarmismi ingiustificati
  3. MSC CROCIERE RAFFORZA LE MISURE PRECAUZIONALI A TUTELA DELLA SALUTE DEI PASSEGGERI SU TUTTE LE NAVI DELLA FLOTTA
  4. LA RESPONSABILITA’ PER I DANNI CAUSATI DALLA POTENZIALE PERDITA, SVERSAMENTO, FUORIUSCITA DI COMBUSTIBILE DALLE NAVI: LA CONVENZIONE DI LONDRA DEL 2001 E IL CASO DELLA NAVE CARGO “EFE MURAT” NEL PORTO DI BARI
  5. Urto di navi: caso Olbia e gestione della sicurezza

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=72610

Scritto da Redazione su feb 7 2020. Archiviato come Internazionale, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab