Home » Ambiente, Cultura, Europa, Eventi, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » Cosa significa ‘distanza oceanografica’ e perché è importante valutarla

Cosa significa ‘distanza oceanografica’ e perché è importante valutarla

Lo sversamento di inquinanti in mare è un evento di rilevante criticità ambientale. Gli interventi per la mitigazione dei danni da parte delle autorità preposte sono strettamente connessi alla disponibilità di strumenti di previsione, in grado di fornire indicazioni sulle possibili direzioni di propagazione degli inquinanti sversati.

Inserito nell’ambito del Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, il progetto IMPACT intende fornire strumenti di supporto per coniugare la conservazione delle aree marine protette (AMP) con lo sviluppo delle attività portuali, nelle quattro aree di studio di Tolone, Bastia, La Spezia e Livorno.

Uno dei prodotti concepiti nell’ambito del progetto, in fase di finalizzazione, è un sistema informativo geografico aperto, interoperabile e disponibile online (webGIS) realizzato dal partenariato al completo: il Capofila CNR – ISMAR insieme a CIBM, Consorzio LaMMA, IFREMER, ISPRA, LECOB – CNRS, Regione Toscana e Université de Toulon.
Questo strumento permette di fruire di nuove e preziose informazioni – non disponibili fino ad oggi – grazie alle quali le autorità preposte potranno non solo valutare e prevedere eventuali impatti derivanti da attività portuali ma anche mettere in atto misure di mitigazione dei danni in caso di incidenti.

Grazie all’integrazione tra le osservazioni di correnti marine superficiali ottenute da radar HF e drifter e i risultati di modelli numerici per estendere la stima delle correnti marine a tutta la colonna d’acqua, è possibile infatti calcolare la traiettoria più probabile di particelle trasportate dall’azione delle correnti marine, e il tempo medio necessario a connettere un luogo A e un luogo B, la così detta distanza oceanografica.

Questa informazione, applicata alla previsione della dispersione in mare di sostanze inquinanti, fornisce uno strumento utile per formulare e mettere in atto piani di azione per la mitigazione dei danni.

Leggi anche:

  1. Progetto IMPACT: come tutelare le aree marine protette e gli organismi che le popolano
  2. Decarbonizzare non significa distruggere la capacità energetica di un sito portuale – industriale europeo
  3. Oggi, presso la sede dell’IPSEOA “Sandro Pertini” di Brindisi si è tenuto un importante incontro con la partecipazione dell’ITS Nautico “Carnaro” di Brindisi
  4. IMPORTANTE RICONOSCIMENTO DEL PRESIDENTE CONTE ALLE INFRASTRUTTURE
  5. FINCANTIERI COSTRUIRÀ UNA NAVE OCEANOGRAFICA PER LA NORVEGIA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=73183

Scritto da Redazione su feb 24 2020. Archiviato come Ambiente, Cultura, Europa, Eventi, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab