Home » Italia, Nautica, News, Porti » L’EMERGENZA COVID-19 NON DANNEGGI L’ECONOMIA MARITTIMA ITALIANA

L’EMERGENZA COVID-19 NON DANNEGGI L’ECONOMIA MARITTIMA ITALIANA

Roma-La Federazione del Mare, che riunisce il cluster marittimo rappresentato dalle organizzazioni del settore (ACCADEMIA ITALIANA DELLA MARINA MERCANTILE, AIDIM, ANCIP, ANIA, ASSONAVE, ASSOPORTI, ASSORIMORCHIATORI, CETENA, COLLEGIO CAPITANI, CONFINDUSTRIA NAUTICA, CONFITARMA, FEDERAGENTI, FEDEPILOTI, FEDERPESCA, FEDESPEDI e RINA) esprime una forte preoccupazione per il progressivo isolamento dell’Italia determinatosi a seguito dell’epidemia del virus COVID-19.

La Federazione del Mare si attende pertanto dal Governo e dalle altre Istituzioni un atteggiamento fermo ma non allarmistico, modulando gli interventi richiesti dalle necessità sanitarie in modo da evitare involontarie conseguenze altamente dannose per l’intera economia marittima italiana, le cui attività sono strettamente legate ad una piena integrazione nei mercati internazionali. Il comparto marittimo è pienamente consapevole dell’esigenza di prendere tutte le precauzioni necessarie per ridurre la diffusione di COVID-19: navi e porti sono fortemente impegnati in tale sforzo e a tal fine operano secondo le linee-guida dell’Organizzazione mondiale della sanità e delle competenti autorità nazionali, sia per quanto riguarda i controlli sanitari dei passeggeri che per l’imbarco delle merci.

Purtroppo, a livello nazionale e globale, l’impatto del Coronavirus sul settore marittimo è notevole (secondo le prime stime, solo lo shipping nel mondo perderà circa 350 milioni di dollari a settimana), senza contare i gravi danni per la catena logistica e di approvvigionamento determinati dai più lunghi tempi di controllo delle merci in ingresso nei porti del Paese. La Federazione del Mare ritiene che sia quanto mai necessario sin da ora impostare una forte iniziativa di comunicazione in Italia e all’estero, da lanciare alla fine dell’emergenza, per restituire all’Italia la sua elevata reputazione come destinazione di flussi turistici e origine delle merci.

“L’intero cluster marittimo, compatto – afferma Mario Mattioli, presidente della Federazione del Mare – è già pronto a fare la sua importante parte per aiutare la ripresa nel primario interesse del Paese”.

Leggi anche:

  1. PRESENTATO AL CNEL IL VI RAPPORTO SULL’ECONOMIA DEL MARE E LO TUDIO SUI CINQUANT’ANNI DI ECONOMIA MARITTIMA IN ITALIA
  2. VENTICINQUENNALE DELLA FEDERAZIONE DEL MARE PRESENTAZIONE DEL “RAPPORTO SULL’ECONOMIA DEL MARE” E DEL VOLUME “CINQUANT’ANNI DI ECONOMIA MARITTIMA IN ITALIA: EVOLUZIONE E PROSPETTIVE TRA IL XX E XXI SECOLO”
  3. 25 anni della Federazione del Mare, Roma 12 dicembre 2019
  4. Presentato a Cagliari lo studio su Economia del Mare di Banca Intesa e SRM
  5. Economia del mare: 26% di Pil nell’ultimo anno

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=73382

Scritto da Redazione su feb 29 2020. Archiviato come Italia, Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab