Home » Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Paolo d’Amico: misure necessarie per contribuire a combattere la diffusione del COVID-19

Paolo d’Amico: misure necessarie per contribuire a combattere la diffusione del COVID-19

Londra. INTERTANKO- Armatori internazionali di navi cisterna – tramite il suo presidente, Paolo d’Amico, ha dato alla stampa il comunicato su COVID – 19. La nota di Paolo d’Amico riflette sull’impatto che tale pandemia creerà sul settore delicato delle navi cisterna, impegnate nel trasporto di materie prime.

Il presidente di INTERTANKO consiglia a tutti i Membri l’adozione di tutte le misure necessarie per contribuire a combattere la diffusione del COVID – 19; allo stesso tempo si sollecitano i noleggiatori ad adottare lo stesso approccio flessibile e pragmatico adottato dall’Organizzazione marittima Internazionale (IMO), dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). E ancora, Paolo d’Amico, insieme ai Membri di INTERTANKO, ha accolto con favore le misure suggerite dall’IMO, dall’ILO e dall’OMS nelle varie circolari, invitando gli Stati a essere flessibili nell’attuare misure di forza maggiore.

“Positivo è stato l’approccio – dichiara il presidente di INTERTANKO – che tali misure siano state riconosciute dalla maggior parte degli Stati di bandiera di navi e delle Società di Classificazione navale nell’adottare una posizione pratica e pragmatica sulle questioni regolamentari interessate”. L’invito a essere pratici è rivolto anche ai noleggiatori nell’applicare le loro regole e preferenze interne a di riconoscere i notevoli sforzi che i Membri di INTERTANKO stanno compiendo per conformarsi ai regimi di ispezioni.

“Dato che le Compagnie di navigazione – ha concluso Paolo d’Amico – non per loro colpa, non possono rispettare le normali regole in questi tempi straordinari, è necessaria flessibilità per garantire un tonnellaggio sufficiente a trasportare petrolio, gas e prodotti petroliferi mondiali, evitando effetti indicibili per l’economia globale”. Alla luce di questi problemi, INTERTANKO ha consigliato ai suoi Membri di adottare le seguenti misure nel caso che i problemi durino per diversi mesi. – Pianificare in anticipo e intraprendere un’ispezione SIRE / CDI (Ship Inspection Report Programme/ Chemical Distribution Institute) il prima possibile, anche in caso di caricamento o inattività, se possibile. – Informare i noleggiatori di qualsiasi annullamento dell’ispezione.

- Ricordare ai noleggiatori che i rapporti d’ispezione sono conservati sui sistemi OCIMF e CDI (Oil Companies International Marine Forum/CDI) per periodi di dodici mesi o più dalla data di ricezione e rimangono validi. Le restrizioni temporali sulla loro validità sono a scelta dei singoli noleggiatori. Al fine di fornire prove oggettive del fatto che queste fasi sono state seguite, INTERTANKO sta consigliando ai suoi Membri di tenere una documentazione dettagliata di tutti i rifiuti / cancellazioni delle ispezioni e di eventuali problemi relativi ai viaggi per marittimi, sovrintendenti, ispettori e tecnici di riparazione.

INTERTANKO è un’associazione di categoria che dal 1970 rappresenta gli armatori indipendenti di navi petroliere egli interessi dei suoi Membri a livello nazionale, regionale e internazionale. L’organizzazione è rivolta a sostenere un settore dedicato a supportare le reti energetiche globali offrendo servizi di trasporto sicuri, efficienti e rispettosi dell’ambiente.

INTERTANKO s’impegna a garantire l’ambiente più sicuro per i dipendenti mantenendo la continuità dei servizi per i nostri Membri e le parti interessate. Durante l’attuale pandemia di Covid – 19, le nostre operazioni sono in corso, allo scopo di ridurre al minimo il rischio di trasferimento della comunità. Attualmente, tutto il personale dei nostri uffici ad Atene e Oslo lavora da casa in modalità remote fino a nuovo avviso.
I nostri uffici di Londra, Singapore e Washington DC operano con alcuni membri dell’ufficio presenti in sede.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. L’IMO rinvia ulteriori riunioni a causa di COVID-19
  2. AdSP MAS: Misure di contrasto alla diffusione del Covid-19 – Regolamentazione apertura uffici al pubblico
  3. DPCM 1° marzo 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto – legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”
  4. Genova: Amico & Co, nuovo ShipLift per megayacht
  5. IMO sollecita la revisione dei piani di safety

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=73868

Scritto da Abele Carruezzo su mar 16 2020. Archiviato come Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab