Home » Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Il Sindaco e l’Assessora Bonciani aprono in Comune un tavolo di crisi città-porto a sostegno della tenuta economica e sociale di Livorno

Il Sindaco e l’Assessora Bonciani aprono in Comune un tavolo di crisi città-porto a sostegno della tenuta economica e sociale di Livorno

Incontro con i vertici diAdsp MTS,Stefano Corsini e Massimo Provinciali, insieme a Simone Gagliani e Francesco Ghio e i vertici della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, Riccardo Breda e Pierluigi Giuntoli

 

Livorno- Oggi si è tenuta l’attesa riunione voluta dal sindaco Luca Salvetti e dall’assessora al porto Barbara Bonciani, con oggetto la crisi del settore crociere a Livorno e la situazione di Porto Livorno 2000, società deputata alla gestione del traffico passeggeri nel porto di Livorno.

La società è colpita in maniera pesante dall’emergenza Codiv-19 a causa dell’azzeramento del traffico traghetti e crociere; crisi che impatta in maniera pesante sulla città,  considerato sia l’indotto turistico imprenditoriale legato a questo segmento di traffico, sia al numero dei lavoratori afferenti, sia dipendenti che stagionali.

Alla riunione hanno partecipato i vertici dell’ Adsp MTS Stefano Corsini e Massimo Provinciali, insieme a Simone Gagliani e Francesco Ghio e i vertici della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, Riccardo Breda e Pierluigi Giuntoli.

Il  sindaco e l’assessora Bonciani hanno evidenziato l’importanza di agire immediatamente sulla crisi , promuovendo in modo congiunto misure e strategie adeguate, finalizzate, sia a favorire un monitoraggio continuo, sia a gestire il contenimento degli effetti economici e sociali da questa derivanti .

Uno dei primi benefici può arrivare alla società che gestisce il traffico passeggeri dall’applicazione, da parte di Adsp MTS ,delle norme previste nel Decreto Cura Italia per quanto riguarda la sospensione dei canoni concessori.

Misura che intende contrastare effetti prodotti dal calo dei traffici portuali a danno dei concessionari, già attivata in modo estensivo, non solo alle merci, ma anche ai passeggeri da altre Autorità di sistema portuale, come nel caso di Bari.

Nel corso della riunione si è discusso anche dell’idea lanciata dal sindaco e dall’assessora Bonciani ad Adsp, circa la possibilità di riconvertire temporaneamente le aree dedicate ai traffici passeggeri, oggi inutilizzate.

Si tratta di aree non doganali, ma che potrebbero essere utilizzate già da ora per lo stoccaggio di auto, semirimorchi e prodotti forestali, garantendo un’entrata per il terminal.

I vertici dell’Adsp hanno evidenziato che nel confronto con gli operatori portuali non si ravvisano ad oggi necessità in termini di ulteriori spazi disponibili per la merce in arrivo.

Tuttavia si è convenuto sul fatto che l’evoluzione poco chiara dell’emergenza sanitaria in corso e le difficoltà che potrebbero generarsi in altri porti in termini di spazi a disposizione per lo sbarco e stoccaggio merci dovrebbero aprire una riflessione comune per la formulazione di un piano B, favorendo una mappatura di quelle che potrebbero essere le aree portuali e retroportuali da mettere eventualmente a disposizione nel caso di riscontrata necessità .

Come spiagano il sindaco e l’assessore, c’è inoltre da tener conto di come evolverà  l’ondata dell’emergenza sanitaria Codiv-19 in quei paesi esteri che hanno rapporti commerciali con il porto di LIvorno; effetti che potrebbero riflettersi sullo scalo  probabilmente fra qualche mese. Tutto questo ci porta a dover monitorare giornalmente l’andamento della merce nei porti italiani e favorire soluzioni contingenti, con la capacità anche di programmare soluzioni future, in modo che la città e il porto, con le proprie imprese e lavoratori possano uscirne nel modo più indolore possibile.

La riunione si è conclusa con due decisioni prese in modo congiunto: sindaco e assessora convocheranno la prossima settimana una riunione sulla crisi del comparto crociere convocando Porto Livorno 2000.

La Casa comunale sarà sede di un tavolo allargato di crisi città-porto in cui l’Amministrazione comunale, insieme insieme ad Adsp MTS, Capitaneria  di porto e stakeholder portuali lavoreranno insieme per monitorare e gestire gli effetti economici e sociali dell’emergenza codiv-19 sul sistema città porto di Livorno .

Leggi anche:

  1. Si avvicina la possibilità per Livorno di ottenere lo status di Zona Economica Speciale
  2. Comune di Livorno: Strategia di decarbonizzazione del trasporto marittimo, l’assessora Bonciani ne ha parlato a un convegno in Francia
  3. CRISI DEL PORTO BRINDISI: RICHIESTA TAVOLO DI CRISI E ANNUNCIO SCIOPERO GENERALE
  4. Firmato l’accordo tra Comune di Livorno e RETE, per una migliore integrazione del porto nel contesto urbano
  5. Firma accordo di collaborazione tra il Comune di Livorno e RETE – Associazione Internazionale per la Collaborazione tra Porti e Città

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74352

Scritto da Redazione su apr 2 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab