Home » Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » Conftrasporto-Confcommercio: RISORSE ANNUNCIATE APPREZZABILI PROCEDURE E TEMPI: NON CI SIAMO

Conftrasporto-Confcommercio: RISORSE ANNUNCIATE APPREZZABILI PROCEDURE E TEMPI: NON CI SIAMO

Imprese: per non morire la discriminante è il tempo. L’allarme arriva da Conftrasporto-Confcommercio (oltre 30mila imprese trasporti e logistica rappresentate), il cui vicepresidente Paolo Uggè, parla di risorse indubbiamente importanti contenute nell’ultimo decreto per le aziende, ma del ‘micidiale’ rischio di vederne crollare i propositi sotto il peso del tempo che passa.

“Fate presto, qui si rischia di non risolvere i problemi della gente e delle imprese – avverte Uggè – La liquidità necessaria dev’essere messa a disposizione subito, se non si vuole che le attività, soprattutto quelle medio-piccole, chiudano per sempre. Le misure messe in campo da Germania e Svizzera sono le stesse che Conftrasporto invoca da giorni, inascoltata dal nostro esecutivo”.

“Il decreto per le imprese – prosegue il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio – rischia di non curare il Paese e la sua muscolatura economica. Bisogna fornire risorse a fondo perduto per le micro aziende, alzare al 100% le garanzie e spostare al 2021 la sospensione dei contributi e dell’Iva”.

“Senza queste misure, l’ammontare di garanzie, seppur adeguate, sarà vanificato da una complessità operativa che potrebbe azzerarne gli effetti costringendo le imprese ad attendere mesi e mesi per ricevere i soldi che aspettano”. E ancora: “Lo Stato si finanzia attraverso la BCE; allora perché far pagare interessi ai cittadini? Il tempo per le modifiche esiste, il Governo faccia uno sforzo ulteriore per recepire questo grido d’allarme”, aggiunge Uggè, che ritiene indispensabile reagire come di fronte alle calamità naturali, dando cioè soldi a fondo perduto.

“Il Governo per l’emergenza sanitaria si è circondato di esperti ed eminenti scienziati che talvolta forniscono pareri molto contrastanti tra loro. Perché non si avvale, per i temi economici, di esperti industriali, logistici, banchieri ed economisti per provvedimenti che hanno la necessità di essere affrontati sentendo il parere di chi opera direttamente sul campo?”, conclude il vicepresidente di Conftrasporto-Confcommercio.

Leggi anche:

  1. CORONAVIRUS, NESSUNA RICHIESTA AL FONDO DI SOLIDARIETÀ UE UGGÈ, CONFTRASPORTO: “COSA ASPETTA IL NOSTRO GOVERNO?”
  2. TASSAZIONE DEI PORTI, CONFCOMMERCIO-CONFTRASPORTO SCRIVE ALLA COMMISSIONE EUROPEA: “RIMANGA L’ATTUALE REGIME FISCALE
  3. Conftrasporto: Porti, l’UE vuole tassare le autorità di sistema
  4. GOVERNO, CONFTRASPORTO AL MINISTRO DE MICHELI: “RIFORMA DEI PORTI E DELLA LOGISTICA, RETI TEN-T, BRENNERO, ECCO LE QUESTIONI APERTE”
  5. Paolo Uggè, Conftrasporto: “bene il presidente di Unioncamere Carlo Sangalli sul principio della libera circolazione di merci e persone nell’Unione Europea”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74539

Scritto da Redazione su apr 10 2020. Archiviato come Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab