Home » Europa, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti » COVID 19: ECSA e l’ETF chiedono un’azione coordinata dell’UE in merito al cambio dell’equipaggio

COVID 19: ECSA e l’ETF chiedono un’azione coordinata dell’UE in merito al cambio dell’equipaggio

L’ECSA e l’ETF chiedono un’azione coordinata dell’UE con misure speciali e urgenti in merito al cambio dell’equipaggio. Tali azioni contribuiranno a garantire che l’industria dei trasporti marittimi e i lavoratori del trasporto marittimo possano svolgere il loro ruolo nel sostenere l’economia dell’UE nella massima misura possibile e che gli impatti sociali, operativi ed economici della crisi siano ridotti il ​​più possibile.

La lettera è stata inviata al commissario europeo per i trasporti, Adina Vălean, al commissario europeo per la gestione delle crisi, Janez Lenarčič, al commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, al commissario europeo per la giustizia, Didier Reynders e l’alto rappresentante di l’UE, Josep Borrell Fontelles.

“Accogliamo con grande favore la comunicazione della Commissione dell’8 aprile 2020″ Linee guida sulla protezione della salute, il rimpatrio e le disposizioni di viaggio per i marittimi, i passeggeri e le altre persone a bordo delle navi ” “, hanno scritto le due organizzazioni nella loro lettera. “Siamo molto lieti di notare che questa necessità di un’ampia definizione di lavoratori marittimi è stata riconosciuta e inclusa negli orientamenti”.

Entrambi i partner concordano sul fatto che gli orientamenti risolveranno problemi specifici derivanti da misure imposte unilateralmente da diversi Stati membri e impediranno lo sviluppo di nuove strozzature. Le misure che non sono in linea con le nuove linee guida ostacolano gravemente la circolazione dei lavoratori del trasporto marittimo, compresi i marittimi, per raggiungere le loro navi, esercitare il loro diritto a partire dalle coste e essere rimpatriati al termine dei loro turni di servizio, mentre i loro colleghi sono costretti ad aspettare a casa, impossibilitati a prendere posto a bordo.

Pertanto, sia l’ECSA che l’ETF chiedono aiuto ai Commissari per presentare al Consiglio una proposta concreta di accordo politico relativo ai porti designati per lo sbarco e il cambio dell’equipaggio, in linea con le condizioni stabilite (tra l’altro diffusione geografica, capacità, prossimità strutture sanitarie e aeroporti internazionali).

Entrambe le parti sociali marittime hanno inoltre messo in evidenza ai Commissari il pressante rimpatrio dei marittimi europei che sono attualmente bloccati in paesi terzi o su navi che non sono state in grado di ottenere il permesso di attraccare. A tal fine, l’assistenza del Servizio europeo per l’azione esterna contribuirebbe sicuramente a garantire che i casi possano essere trattati collettivamente laddove possibile.

Nonostante le molte sfide poste dall’attuale crisi, i lavoratori marittimi dell’intera industria marittima europea stanno lavorando per garantire la continua fornitura di beni e attrezzature e i servizi di trasporto necessari a milioni di cittadini attualmente colpiti dalla pandemia di COVID-19.

Per ulteriori approfondimenti si allega l’articolo del nostro giornale pubblicato nella giornata di ieri(14 aprile)
http://www.ilnautilus.it/porti/2020-04-14/espo-mantenere-attivi-i-porti-europei-per-uscire-dal-covid-19_74618/

Leggi anche:

  1. ESPO: mantenere attivi i porti europei per uscire dal Covid-19
  2. Trasporto marittimo: le misure EU in emergenza covid-19
  3. COVID-19 – MARIO MATTIOLI: QUANDO SI FA SISTEMA SI TROVA SEMPRE UNA SOLUZIONE
  4. Covid-19: Summit G20 non chiuda i porti
  5. ECSA accoglie con favore i commissari Ue

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74646

Scritto da Redazione su apr 15 2020. Archiviato come Europa, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab