Home » Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti » COVID-9 – JOINT IATA AND ICS PRESS RELEASE: GOVERNMENTS MUST FACILITATE SHIP CREW CHANGES

COVID-9 – JOINT IATA AND ICS PRESS RELEASE: GOVERNMENTS MUST FACILITATE SHIP CREW CHANGES

Comunicato stampa congiunto di ICS (international Chamber Of Shipping) e IATA (International Air Transport Association) nel quale le due associazioni chiedono ai governi di adottare misure urgenti per facilitare i cambio di equipaggio a bordo delle navi. Infatti, a causa delle restrizioni COVID-19, molti marittimi devono estendere il loro servizio a bordo delle navi dopo molti mesi di lavoro in mare, non potendo essere sostituiti.

La navigazione è vitale per il mantenimento delle catene di approvvigionamento globali, ma la situazione attuale non è sostenibile per la sicurezza e il benessere degli equipaggi delle navi e per il funzionamento sicuro del commercio marittimo.

Ogni mese circa 100.000 marittimi mercantili devono essere sostituiti dalle navi su cui operano per garantire il rispetto delle normative marittime internazionali a tutela della sicurezza, della salute e del benessere.

A causa delle restrizioni di viaggio imposte dal governo a causa del COVID-19, i voli per rimpatriare o posizionare il personale marittimo non sono disponibili. I protocolli di immigrazione e di screening sanitario ostacolano anche la capacità delle navi mercantili di effettuare i cambi di equipaggio indispensabili. IATA e ICS stanno collaborando per presentare soluzioni sicure e pragmatiche che i governi possano attuare per facilitare i cambi di equipaggio in determinati aeroporti.

“I marittimi sono eroi non celebrati che ogni giorno durante questa crisi COVID-19 vanno al di là della chiamata del dovere per garantire che a tutti i paesi giungano i beni di cui hanno bisogno. Stiamo lavorando con le compagnie aeree per presentare soluzioni. Ora abbiamo bisogno che i governi sostengano i nostri marittimi e facilitino il passaggio sicuro per farli tornare a casa dai loro cari e essere sostituiti da membri dell’equipaggio pronti a tenere aperte le catene di approvvigionamento ”, ha dichiarato Guy Platten, segretario generale dell’ICS.

“Alle compagnie aeree è stato richiesto di tagliare i servizi passeggeri nella lotta alla diffusione di COVID-19. Se i governi identificano gli aeroporti che i marittimi possono utilizzare per i cambi di equipaggio e apportano le opportune modifiche ai protocolli attuali di salute e immigrazione, le compagnie aeree possono aiutare a mantenere in movimento la logistica globale “, ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e CEO della IATA.

Aeroporti designati. ICS e IATA chiedono a tutti i governi di designare un numero specifico e limitato di aeroporti per i cambio degli equipaggi e  per la loro circolazione sicura e rimpatrio.

Gli aeroporti prioritari dovrebbero includere quelli vicini alle principali rotte di navigazione che hanno anche collegamenti aerei diretti con i principali paesi di residenza dei marittimi, come Cina, India e Filippine, nonché con destinazioni nell’Europa occidentale e orientale.

Facilitare il movimento del personale dei trasporti internazionali: Le compagnie aeree e di navigazione affrontano sfide comuni nell’effettuare i cambi di equipaggio, nel rispetto delle restrizioni all’immigrazione e alla quarantena introdotte dalla maggior parte dei governi di tutto il mondo.

Mentre le autorità continuano a combattere COVID-19, il personale dei trasporti internazionali che gestisce aeromobili e navi o che transita per i confini internazionali in servizio, è spesso interessato da restrizioni nazionali previste per passeggeri e personale non essenziale. Quando applicate a membri dell’equipaggio che non interagiscono con le comunità locali, queste restrizioni compromettono inutilmente la capacità delle compagnie aeree e delle compagnie di navigazione di mantenere operative le catene di approvvigionamento globali.

IATA e ICS stanno lavorando con le loro organizzazioni mondiali di riferimento – Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO) e l’Organizzazione marittima internazionale (IMO) – sulle raccomandazioni ai governi per procedure e protocolli standardizzati per il posizionamento degli equipaggi, prevenendo al contempo l’ulteriore diffusione di COVID-19.

Mantenere operative le catene di approvvigionamento globali. Le industrie del trasporto aereo e marittimo sono la linfa vitale dell’economia globale, spostando i beni e i prodotti del mondo necessari per consentire alla società di continuare a funzionare in modo efficiente durante la crisi COVID-19.

• In volume, circa il 90% del commercio globale viene fornito via nave, compresi cibo, energia, materie prime e manufatti.

• Le compagnie aeree trasportano, oltre ai passeggeri, circa il 35% del commercio globale in valore, compresi medicinali essenziali e forniture mediche.

I governi del G20, nelle loro recenti riunioni di emergenza, si sono impegnati a “ridurre al minimo le interruzioni del commercio e delle catene di approvvigionamento globali” e hanno identificato la necessità di stabilire le priorità per mantenere aperte e funzionanti le reti logistiche aeree e marittime.

Le compagnie di navigazione e le compagnie aeree stanno collaborando per soddisfare questa priorità garantendo che operazioni affidabili continuino per tutta la pandemia. Tuttavia, queste reti si fermeranno se gli equipaggi sostitutivi non sono disponibili per il servizio. I governi devono ora agire con urgenza per evitare ulteriori danni all’economia globale maltrattata.

 

————————————————–

 

IATA and ICS: Governments Must Facilitate Ship Crew Changes 15 April 2020 (Geneva) – The International Air Transport Association (IATA) and the International Chamber of Shipping (ICS) are jointly calling on governments to take urgent measures to facilitate crew change flights for seafarers. Due to the COVID19 restrictions, seafarers are having to extend their service onboard ships after many months at sea, unable to be replaced following long tours of duty or return home.  Shipping is vital to the maintenance of global supply chains, but the current situation is unsustainable for the safety and wellbeing of ships’ crews and the safe operation of maritime trade. Each month about 100,000 merchant seafarers need to be changed over from the ships on which they operate to ensure compliance with international maritime regulations protecting safety, health and welfare.

As a result of government-imposed travel restrictions due to COVID-19, flights to repatriate or position marine personnel are unavailable. Immigration and health screening protocols are also hampering the ability of merchant ships to conduct vitally necessary crew changes. IATA and ICS are working together to come forward with safe and pragmatic solutions that governments can implement to facilitate crew changes at certain airports. “Seafarers are unsung heroes who everyday throughout this COVID-19 crisis are going above and beyond the call of duty to ensure that countries are kept supplied with the goods they need.

We are working with the airlines to come forward with solutions. We now need governments to support our seafarers and facilitate safe
passage for them to get home to loved ones and be replaced by crew members ready to keep supply chains open,” said ICS Secretary General, Guy Platten. “Airlines have been required to cut passenger services in the fight to stop the spread of COVID-19. But if Governments identify airports that seafarers can use for crew changes and make appropriate adjustments to current health and immigration protocols, airlines can help keep global logistics moving,” said Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

Designated Airports  ICS and IATA are calling on all governments to designate a specific and limited number of crew change airports for the safe movement and repatriation of crew. This would achieve critical mass for the resumption of crew change flights to these airports, keeping global supply chains open.   Priority airports should include those close to major shipping lanes which also have direct air connections to principal seafarer countries of residence, such as China, India and the Philippines as well as destinations in western and eastern Europe.

Facilitating Movement of International Transport Personnel Aviation and shipping companies face common challenges in carrying out crew changes while complying with immigration and quarantine restrictions introduced by most governments around the world. As authorities continue to battle COVID-19, international transport personnel operating aircraft and ships, or transiting international borders for duty, are often affected by national restrictions designed for passengers and non-essential personnel. When applied to crew not interacting with local communities, these restrictions unnecessarily jeopardize the ability of airlines and shipping companies to keep global supply chains operating.

IATA and ICS are working with their global regulators – the International Civil Aviation Organization (ICAO) and the International Maritime Organization (IMO) – on recommendations to governments for standardized procedures and protocols for positioning crews whilst preventing the further spread of COVID-19. Keeping Global Supply Chains Operating The aviation and maritime transport industries are the lifeblood of the global economy, moving the world’s goods and products which are necessary to allow society to continue to function efficiently throughout the COVID-19 crisis.

• By volume, some 90% of global trade is delivered by ship, including food, energy, raw materials and manufactured products. • Airlines carry, in addition to passengers, some 35% of global trade by value, including critical medicines and medical supplies.

G20 governments, at their recent emergency meetings, committed to “minimize disruptions to trade and global supply chains” and identified the need to prioritize keeping air and sea logistics networks open and functioning efficiently.

Shipping companies and airlines are cooperating to meet this priority by ensuring that reliable operations continue throughout the pandemic. However, these networks will grind to a halt if replacement crews are unavailable for duty. Governments must take urgent action now to avoid further damage to the battered global economy.

Leggi anche:

  1. ICS AND ITF CALL ON G20 TO SUPPORT THE “UNSUNG HEROES OF GLOBAL TRADE”
  2. Covid-19: Le linee guida dell’International Maritime Organization
  3. ICS E IAPH scrivono ai leader del G20
  4. COVID-19: Lettera congiunta di ICS e ITF alle organizzazioni delle Nazioni Unite per non fermare il commercio marittimo mondiale
  5. ICS Press Release: International Chamber of Shipping (ICS) issues new Coronavirus (COVID-19) guidance for shipping industry

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74641

Scritto da Redazione su apr 15 2020. Archiviato come Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab