Home » Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » IL PORTO DI RAVENNA NON SI FERMA E IL PROGETTO HUB VA VANTI

IL PORTO DI RAVENNA NON SI FERMA E IL PROGETTO HUB VA VANTI

Ravenna-E’ stata firmata oggi, dal Presidente dell’Autorità Portuale, la Delibera di nomina della Commissione incaricata di esaminare e valutare le due offerte pervenute relative alla realizzazione degli interventi previsti nel Progetto “Ravenna Port Hub”.

Nelle scorse ore è arrivata infatti l’ultima autorizzazione necessaria a completare la procedura di nomina dei membri della Commissione che è composta dal Dott. Ing. Andrea Ferrante, Presidente della Terza Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il quale conosce perfettamente il Progetto essendone stato relatore nella fase della sua approvazione da parte dello stesso Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, dal Dott. Ing. Massimo Camprini, componente effettivo del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e Capo Area Infrastrutture Civili – Dirigente Servizio mobilità e viabilità del Comune di Ravenna, e dal Dott. Ing. Francesco Di Sarcina, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale.

Difficile fare una previsione dei tempi delle future fasi della gara del Progetto HUB, anche in ragione dell’eccezionalità del momento che tutto il Paese sta vivendo e che impone di svolgere ogni attività di questo tipo in modalità “remota”. L’obiettivo resta quello di rispettare il più possibile il cronoprogramma originario e dunque stimare che, dal momento in cui la Commissione inizierà la propria attività, si possa, in un paio di mesi arrivare alla graduatoria che determinerà quale sia l’offerta economicamente più vantaggiosa. Una volta individuata la Società che si aggiudicherà il contratto per la realizzazione dei lavori dell’HUB tra i due concorrenti (Consorzio Stabile SIS Scpa e Consorzio Stabile Grandi Lavori Scrl), si potrà procedere alla progettazione esecutiva e, terminata questa, saranno avviati i cantieri e potranno partire i lavori.

Le opere del Progetto “HUB PORTUALE DI RAVENNA”, del valore complessivo di 235 milioni di Euro, vale la pena ricordarlo, consistono in una prima fase, nell’approfondimento dei fondali a -12,5 mt, nell’adeguamento (per oltre 6,5 km) e nel potenziamento delle banchine esistenti. E’ inoltre prevista la realizzazione di una nuova banchina della lunghezza di oltre 1.000 mt, e la realizzazione di aree destinate alla logistica in ambito portuale, per circa 200 ettari, aree direttamente collegate alle banchine, ai nuovi scali ferroviari merci e al sistema autostradale, che rappresenteranno un unicum nel panorama della portualità nazionale.

Leggi anche:

  1. L’AUTORITA’ DI SISTEMA PORTUALE DEL PORTO DI RAVENNA A PLOCE PER IL PROGETTO INTESA, NEL SEGNO DELL’EFFICIENZA E DELLA SICUREZZA
  2. Progetto LifeGate PlasticLess: Posa del cestino Seabin nel porto di Marina di Ravenna
  3. Nasce il “gemello” digitale del Porto di Ravenna
  4. Approvato dal CIPE il Progetto “HUB PORTUALE” di Ravenna
  5. Porto di Ravenna: riunione a Roma del pre-CIPE sul Progetto “HUB PORTUALE”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74760

Scritto da Redazione su apr 20 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab