Home » Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti » Coronavirus: Singapore pro commercio marittimo aperto

Coronavirus: Singapore pro commercio marittimo aperto

Singapore. La sesta edizione della Tavola Rotonda delle Autorità Portuali (PAR), naturalmente in video conferenza la scorsa settimana, è stata l’occasione per firmare una dichiarazione congiunta per favorire e sostenere il commercio marittimo, in questo periodo di Covid -19, mantenendo aperti i porti per tutte le operazioni di imbarco/sbarco merci.

La pandemia di coronavirus sta portando il sistema dei trasporti marittimi a sfide senza precedenti; dalle restrizioni agli equipaggi di navi a nuove organizzazioni di lavoro sia a bordo e sia nei terminal portuali. Difficoltà che sta portando a rischio il flusso di merci, come cibo, alimentari, frutta, medicine ed energia che si sposta grazie alla navigazione commerciale che è pari all’80% del commercio globale. L’iniziativa di Singapore riguarda venti Autorità portuali, lungo le rotte dell’Asia, Europa, Medio Oriente e Nord America.

La dichiarazione garantisce l’impegno a collaborare e ad assicurare che le navi mercantili continueranno a scalare terminal portuali per le operazioni di carico/scarico, evitando così interruzioni nella catena di approvvigionamento globale; come pure condividere le esperienze, adottare le migliori pratiche, in particolare riguardo alle misure precauzionali per la comunità marittima, all’assistenza per il personale di terra e di mare e alla gestione sicura dei carichi. L’iniziativa di Singapore è stata condivisa dall’Organizzazione Marittima Mondiale (IMO) e dall’Associazione Internazionale dei Porti Marittimi (International Association of Ports and Harbors – IAPH -) con l’obiettivo di allargare la partecipazione ad altre realtà portuali.

I membri della Tavola Rotonda delle Autorità Portuali che hanno firmato la dichiarazione includono oltre a Singapore, le Autorità di Abu Dhabi (Emirati Arabi Uniti), Tokyo, Yokohama e Kobe (Giappone), Pusan (Corea del Sud), Canton, Ningbo e Shanghai (Cina), Long Beach, Los Angeles e Seattle (Stati Uniti), Port Klang (Malesia), Montreal (Canada), Bangkok (Thailandia).Tra i porti europei figurano Rotterdam (Paesi Bassi) , Amburgo (Germania), Anversa (Belgio), Le Havre (Francia) e Barcellona (Spagna).

Per ora non figurano Autorità portuali italiane. Mantenere aperti i porti e spostare le merci non è mai stato tanto importante quanto in questo momento di emergenza sanitaria ed economica e che questa sfida sappiamo essere inedita e impegnativa. I porti di tutto il mondo sono stati dichiarati servizi essenziali e non manufatti sotto servitù amministrativa, militare, civile e politica.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Coronavirus, un collegamento marittimo giornaliero in più con la Sicilia. La ministra De Micheli ha firmato il Decreto
  2. Coronavirus: Assoporti interviene sulle potenziali ripercussioni di allarmismi ingiustificati
  3. Ue:Italia tra top commercio marittimo
  4. Porto di Singapore: movimentate 48,5 milioni di tonnellate di merci (+10,6%)
  5. Carta dei diritti della gente di mare: Singapore ratifica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74997

Scritto da Abele Carruezzo su apr 28 2020. Archiviato come Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab