Home » Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » Al Terminal Container Ravenna, struttura unica per controlli alla merce

Al Terminal Container Ravenna, struttura unica per controlli alla merce

Dal 6 maggio le autorità preposte alle verifiche sulla merce in arrivo e uscita dal porto di Ravenna potranno disporre di un’unica area di controllo all’interno del Terminal Container Ravenna, con strutture, uffici e locali adeguati.

Il settore della logistica è da sempre caratterizzato da un veloce rinnovamento e il Terminal Container Ravenna dimostra di essere al passo con il cambiamento e pronto a importanti novità strutturali.

Dal 6 maggio le autorità preposte alle verifiche sulla merce in arrivo e uscita dal porto quali PIF (Posti di Ispezione Frontaliera), USMAF (Ufficio di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera) e Ufficio Fitosanitario potranno disporre di un’unica area di controllo all’interno del Terminal Container Ravenna, con strutture, uffici e locali adeguati alle attività di controllo.

L’importante progetto è partito l’anno scorso, dalla collaborazione tra TCR, Autorità Portale di Ravenna, il Ministero della Sanità e la Regione Emilia Romagna.

Tutte le varie amministrazioni deputate ai controlli avranno la possibilità di utilizzare le nuove aree e le nuove strutture poste all’interno dello stesso contesto lavorativo. Sarà possibile effettuare in un’unica zona del Terminal le verifiche sulla qualità e sullo stato della merce: dai controlli igienico sanitari, ai prelievi campione, a tutte le attività volte ad assicurare il massimo grado di sicurezza per i prodotti alimentari e per le altre merci sbarcate in porto.

La struttura è certificata a livello europeo e offrirà molti vantaggi competitivi e qualitativi al servizio della merce: la maggiore collaborazione tra gli organi preposti al controllo garantirà un’assistenza completa alla merce, ottimizzando i tempi di ispezione e assicurando una rapida distribuzione dei prodotti sui mercati di riferimento.

Questa sinergia tra il Terminal Container Ravenna e le autorità competenti locali costituisce un ulteriore passo avanti verso l’unificazione di spazi fisici tra dogane, servizi sanitari e autorità di pubblica sicurezza, un passaggio importante volto alla velocità dei controlli con nuove soluzioni tecnologiche e organizzative.

TCR diventa quindi una ‘finestra unica’, confermando la sua vocazione di Terminal ‘one stop solution’, che garantisce alla merce un servizio di qualità per una migliore e veloce distribuzione dei prodotti sui mercati europei e internazionali.

Leggi anche:

  1. AdSP MACS: NUOVI LOCALI IN PORTO PER I CONTROLLI SANITARI SULLE MERCI
  2. PUBBLICATA DAL CENTRO STUDI FEDESPEDI, L’ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DEI TERMINAL CONTAINER 2019
  3. Universita’ e Autorita’ Portuali di 5 paesi in visita al Terminal Container Ravenna
  4. La storia del Mah Jong ritorna alle sue origini al Terminal Container Ravenna
  5. Nuove connessioni intermodali per il terminal Contship a Ravenna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=75353

Scritto da Redazione su mag 8 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab