Home » Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » Terminal Container Ravenna: 2 trasformatori heavy lift imbarcati in sole 3 ore

Terminal Container Ravenna: 2 trasformatori heavy lift imbarcati in sole 3 ore

Grazie all’efficienza del team TCR, i due trasformatori, dal peso di oltre 90 tonnellate ciascuno, sono stati imbarcati in totale sicurezza in sole tre ore

Terminal Container Ravenna, il gateway adriatico del gruppo Contship Italia, si conferma ancora una volta il ‘porto speciale per prodotti speciali’, offrendo ai propri Clienti servizi a valore aggiunto altamente professionali.

Infatti, si è conclusa pochi giorni fa la fase di imbarco di 2 trasformatori heavy lift dal peso di oltre 90 tonnellate.

La richiesta dal Cliente ha attivato prontamente il team di TCR nello studio e nella preparazione tecnica delle fasi di movimentazione.

Gli impianti sono stati posizionati su un letto di 4 flat a bordo della nave Harrison, impegnata nel servizio della Compagnia di Navigazione Zim Line che in 5 giorni collega il Terminal Container Ravenna e il porto di Ashdod, in Israele, tramite il servizio Adriatic Express Service (ADX).

Le operazioni si sono svolte in tempi estremamente rapidi: il team TCR si è occupato del sollevamento, dell’imbarco e del rizzaggio dei trasformatori nella stiva in sole tre ore.

La nave ha così potuto lasciare gli ormeggi di TCR per continuare il suo viaggio verso il porto di Izmir, in Turchia.

Il project cargo e i break bulk sono da sempre una delle prerogative offerte dal TCR.

Oltre alle quattro gru ship-to-shore di ultima generazione, il terminal può avvalersi di gru mobili con ampia capacità di sollevamento (oltre 200 tonnellate), grazie al rilevante parco mezzi di proprietà della società Sapir, importante terminal multi purpose nonché azionista di TCR.

La disponibilità di ampi spazi, strutture e attrezzature adeguate, a cui si aggiunge il grande impegno e la forte competenza del team TCR, rende il Terminal Container Ravenna una piattaforma logistica multifunzionale, dove è possibile eseguire operazioni ‘speciali’ nei tempi richiesti dal Cliente e nel pieno rispetto delle normative di sicurezza.

Leggi anche:

  1. Al Terminal Container Ravenna, struttura unica per controlli alla merce
  2. PUBBLICATA DAL CENTRO STUDI FEDESPEDI, L’ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DEI TERMINAL CONTAINER 2019
  3. Universita’ e Autorita’ Portuali di 5 paesi in visita al Terminal Container Ravenna
  4. La storia del Mah Jong ritorna alle sue origini al Terminal Container Ravenna
  5. Nuove connessioni intermodali per il terminal Contship a Ravenna

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=75390

Scritto da Redazione su mag 12 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab