Home » Cultura, Italia, Nautica, News, Porti » “Fatti e Misfatti nell’Ortoporto di Venezia”: il saggio di Massimo Bernardo

“Fatti e Misfatti nell’Ortoporto di Venezia”: il saggio di Massimo Bernardo

Edito dall’Interntional Propeller Club Port of Venice “Fatti e Misfatti nell’Ortoporto di Venezia” di Massimo Bernardo  è il saggio che sintetizza, in chiave critica , 10 lustri della portualità lagunare veneta. Una lunga “navigazione“ che dai giorni nostri, quelli della presidenza Musolino, giunge a ritroso fino agli anni ’70, quelli  del Provveditorato al Porto dell’ing. Alberto Toniolo, di Alessandro Di Ciò e dei vari Ammiragli, poi  trasformato con la legge 84/94, con Claudio Boniciolli, in Autorità Portuale e più tardi dopo Giancarlo Zacchello e Paolo Costa, In Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Settentrionale oggi presieduto da Pino Musolino.

“ In questi 50 anni di storia del sistema lagunare portuale veneto abbiamo vissuto e condiviso grandi successi e crisi complesse –spiega Massimo Bernardo- abbiamo assistito alla nascita di nuove aziende e, ahimè, alla morte di tante altre, a seconda dei vari presidenti all’esaltazione di nuovi progetti e alla demolizione degli stessi spesso in uno scandaloso  susseguirsi di stop and go che ancor oggi non trovano razionali spiegazioni. In questa lunga navigazione, dal ponte di comando all’ultima stiva, abbiamo conosciuto veri e grandi “Comandanti” e bravi “mozzi”, marinai d’acqua dolce e “ammiccanti sirene”, furbastri da quattro soldi ma anche collaudati ed oculati imprenditori.

In questo contesto nessun mio  giudizio su uomini, donne o sull’accaduto ma un caldo invito, questo sì, ad un’attenta riflessione da parte dei miei lettori, un invito accorato soprattutto a quei giovani che oggi già operano o lavoreranno nel mondo del trasporto ai quali posso solo ricordare che” solamente ben conoscendo il passato si può costruire un sereno futuro”.

Questa è la vera mission di “Fatti e Misfatti nell’ortoporto di Venezia”.
Tra i contributi alla pubblicazione ricordiamo quelli di Umberto Masucci, di Vincenzo Marinese, di Claudio Boniciolli, di Andrea Razzini e di molti altri soci del Propeller Port of Venice, avvocati marittimisti, owner di agenzie marittime, terminal, case di spedizione e doganalisti.

“Una rotta perigliosa che presenta fatti e non chiacchiere in quella corposa “antologia” generata da luci ed ombre, da imprenditori e da “prenditori”, da quei tanti lavoratori che hanno combattuto e combattono oggi per mantenere la dignità del lavoro . Pagine e pagine di volti di uomini e donne che hanno respirato, a volte per gran parte della loro vita, l’aria del palazzo o quella delle banchine, pagine di voci suadenti o, per gli “yes men”, spesso afone, pagine di “sussurri di gole profonde”, pagine di falsi buonisti o di severi giustizieri.

Insomma un’enciclopedia antologica e antropica animata da quel virtuale popolo del porto che deve affrontare un futuro dagli esiti purtroppo ancora imprevedibili. Per prenotazione copie scrivere a segreteria@propellerclubportofvenice.eu. Il ricavato delle eventuali copie richieste sarà interamente utilizzato dall’International Propeller Club Port of Venice per attuare iniziative connesse ai propri fini statutari.

Leggi anche:

  1. Venezia celebra Il World Maritime Day 2019
  2. Titi(OPS): Basta polemiche e parole. Si passi ai fatti!
  3. Propeller Club di Brindisi: Il porto di Brindisi ha bisogno di fatti concreti
  4. Propeller Club of Venice: per Bernardo “per la legge di riforma dei porti sarà un triennio di dure battaglie”
  5. “NAPA: piattaforma offshore e collegamenti intermodali”: convegno del Propeller di Venezia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=75638

Scritto da Redazione su mag 22 2020. Archiviato come Cultura, Italia, Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab