Home » Europa, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti » L’ECSA accoglie con favore le conclusioni del Consiglio dei ministri dell’Ue sul settore dei trasporti per via navigabile dell’Unione

L’ECSA accoglie con favore le conclusioni del Consiglio dei ministri dell’Ue sul settore dei trasporti per via navigabile dell’Unione

Il 5 giugno, il Consiglio dei ministri dei trasporti ha adottato le sue conclusioni su “Settore dei trasporti per vie navigabili dell’UE – Prospettive future: verso un settore dei trasporti per vie navigabili dell’UE neutro in termini di emissioni di Co2, senza incidenti, automatizzato e competitivo”. Questa decisione approva la Dichiarazione di Opatija adottata a livello politico l’11 marzo 2020 .

“L’industria marittima europea ha partecipato alle discussioni che hanno dato forma alla Dichiarazione di Opatija”, ha affermato Martin Dorsman, segretario generale dell’ECSA. “La visione esposta nella dichiarazione riflette pienamente le ambizioni del nostro settore e stabilisce la direzione verso cui ci stiamo muovendo rapidamente.”

Tuttavia, i progressi verso tale visione si sono arrestati dall’inizio della pandemia di COVID-19, che ha colpito l’intera industria marittima in Europa e nel resto del mondo. Nonostante le varie difficoltà che la crisi ha creato, come la mancanza di cambiamenti dell’equipaggio e problemi di liquidità, le aziende e i dipendenti continuano a lavorare per garantire che le catene di approvvigionamento rimangano in funzione.

“Apprezziamo pienamente che i Ministri riconoscano il ruolo chiave del trasporto marittimo europeo durante questa crisi nel mantenere il commercio e il flusso dei servizi e delle forniture di base nel modo più fluido possibile. È importante che tutti i responsabili politici comprendano questo ruolo fondamentale e gli interessi strategici del trasporto marittimo per l’UE, che questa crisi ha chiaramente messo in luce e che non dovrebbe mai essere compromessa “, ha continuato Dorsman.

Le conclusioni del Consiglio hanno inoltre messo in luce il lavoro essenziale svolto dai marittimi per mantenere funzionanti le linee di approvvigionamento, compreso il loro diritto a un trattamento equo. L’ECSA, insieme ad altri partner e istituzioni europei e internazionali, sta fortemente sollecitando i governi a designare i lavoratori marittimi come lavoratori chiave in modo da garantire che possano avvenire i cambi di equipaggio e che i diritti dei marittimi siano rispettati. L’assistenza dell’equipaggio è fondamentale per la salute, la sicurezza e il benessere dei lavoratori marittimi e il corretto funzionamento delle linee di approvvigionamento marittimo.

Leggi anche:

  1. L’ECSA accoglie con favore il pacchetto della Commissione europea su turismo e trasporti nel 2020 e oltre
  2. COVID 19: ECSA e l’ETF chiedono un’azione coordinata dell’UE in merito al cambio dell’equipaggio
  3. Consiglio europeo straordinario dei trasporti al lavoro su misure solidali per stati e operatori
  4. De Micheli ha partecipato al Consiglio dei Ministri dei Trasporti Ue
  5. ECSA accoglie con favore i commissari Ue

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76016

Scritto da Redazione su giu 9 2020. Archiviato come Europa, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab