Home » Internazionale, News, Porti, Trasporti » La Francia sostiene l’uso del Gnl per uso marittimo

La Francia sostiene l’uso del Gnl per uso marittimo

Marsiglia. L’Authority del porto di Marsiglia Fos  e la Society for Gas and Marine Fuel (SGMF) incoraggiano l’uso del Gnl come combustibile per uso marittimo primario. Per il porto di Marsiglia, con l’impegno all’uso del Gnl, intende garantire la dimensione green nelle funzioni portuali e si candida ad essere il porto green per eccellenza ambientale. Il gas naturale liquefatto produce un’energia alternativa pulita che limita l’impatto delle emissioni delle navi. Non tossico e non corrosivo, consente di eliminare quasi tutte le emissioni di zolfo e particolato e di ridurre le emissioni di ossido di azoto di oltre l’80% e le emissioni di anidride carbonica di un massimo del 25% rispetto agli attuali carburanti marini.

Sotto la guida della Society for Gas and Marine Fuel, gli enti interessati del porto e del settore, la transizione energetica verso il Gnl sta diventando una realtà. La SGMF, a oggi, ha identificato 185 navi a Gnl in servizio in tutto il mondo e 213 navi a Gnl già in cantiere, salvo ripercussioni post –covid-19. Lo scorso 15 giugno si è operata una seconda operazione di bunkeraggio nave-nave e la Port Authority, unitamente alla SGMF, sta promuovendo il Gnl per uso marittimo e si pone come un hub per il Mediterraneo. Il Porto di Marsiglia Fos ha garantito ai gruppi di lavoro SGMF, insieme agli operatori di Gnl, la necessaria formazione e addestramento realizzando tutte le condizioni di sicurezza che soddisfano gli standard europei e mondiali per queste particolari operazioni.

La risposta degli enti del porto e l’impegno di tutti gli operatori portuali (ufficio Capitaneria di Porto, ormeggi, piloti, rimorchiatori, terminal e vigili del fuoco) nel portare a termine con successo queste operazioni è un segnale positivo per il futuro del settore del Gnl. Grazie alla loro competenza, gli operatori tutti garantiscono al porto di Marsiglia una posizione di eccellenza in grado di sviluppare questo tipo di operazione di rifornimento di carburante. Marsiglia Fos con i partner industriali e le compagnie di navigazione si sono impegnate a fornire un servizio di qualità e l’offerta di Gnl nel Mediterraneo sarà rivolta alle navi da crociera a propulsione Gnl che scalano Marsiglia già dal 2019. Nel 2021, il porto di Marsiglia Fos offrirà ai suoi clienti una nave da bunkeraggio a Gnl; si conferma che il terminale di Tonkin continuerà a funzionare oltre il 2020 e che quello di Cavaou sarà adattato per servire di micro – metano per Elengy.

Si garantisce la costruzione di una nave da bunkeraggio di Gnl da part di Total per rifornire le cinque navi portacontainer CMA CGML da 15.000 Teu che dal 2021 faranno scalo a Fos. Inoltre, la Port Authority  coinvolgerà il Club de la Cruise Marsiglia Provenza per l’impegno delle linee di crociera, tramite la Carta blu, per incoraggiare le navi a propulsione Gnl a fare scalo a Marsiglia. Il “futuro”, quello della transizione energetica, vedrà conciliare l’attività economica legata al trasporto marittimo con la riduzione del suo impatto sull’ambiente.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. UE: pubblicata relazione su emissioni CO2 sul trasporto marittimo
  2. “Navi suonate le vostre sirene” – CONFITARMA Sostiene l’iniziativa per celebrare il 1° maggio
  3. Comune di Livorno: Strategia di decarbonizzazione del trasporto marittimo, l’assessora Bonciani ne ha parlato a un convegno in Francia
  4. UE: ultime delibere in campo marittimo
  5. BlueConnect: nasce un osservatorio marittimo fra Italia e Francia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76365

Scritto da Abele Carruezzo su giu 22 2020. Archiviato come Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab