Home » commerciale, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » GRUPPO GRENDI SPINGE SU SVILUPPO IN SARDEGNA

GRUPPO GRENDI SPINGE SU SVILUPPO IN SARDEGNA

APRE AD OLBIA UN NUOVO MAGAZZINO PER SMISTARE MERCI E RICHIEDE PARERE ALLE AUTORITA’ PER ACCELERARE AMPLIAMENTO A CAGLIARI

Il Gruppo Grendi spinge l’acceleratore sui progetti di sviluppo in Sardegna con l’apertura di un magazzino di distribuzione ad Olbia e la richiesta di un parere preliminare alle autorità territoriali competenti per la costruzione di un nuovo capannone per servizi logistici nel Porto Canale dove un vincolo paesaggistico, per un arenile che esiste solo sulle carte, impedisce la realizzazione di edifici nelle aree vicine al porto di Cagliari.

OLBIA
Dal 6 luglio Grendi ha aperto il nuovo centro distributivo merci ad Olbia. Il magazzino è una nuova struttura di 1800 mq, dotato di ribalta, 16 porte, 8 sponde e ampio piazzale.  “In periodo di post Covid, mentre c’è chi aspetta di capire come si muoverà il mercato, Grendi investe per garantire un servizio sempre migliore anche nel periodo di picco estivo. La provincia di Olbia, infatti, nei mesi di luglio e agosto triplica i volumi di merce che assorbe: avere un punto di distribuzione direttamente sul posto diventa indispensabile. Fino alla fine di giugno, a causa della penuria di collegamenti, il turismo in Sardegna non era ancora partito ma da questa settimana hanno iniziato ad arrivare turisti e prenotazioni il che lascia ben sperare per il proseguimento della stagione” commenta Costanza Musso, amministratore delegato di M.A. Grendi dal 1828.

CAGLIARI
“Il modello di logistica mare-terra di Grendi ha dimostrato di funzionare e il gruppo sta studiando da tempo un progetto per costruire un nuovo deposito a Cagliari in modo da rispondere alle richieste dei clienti.  Per questo la settimana scorsa Grendi ha presentato la richiesta di licenza edilizia per la costruzione di un nuovo magazzino, sperando che questa non venga fermata dall’attuale vincolo paesaggistico che insiste ancora sull’area del Porto Canale, a causa di un errata interpretazione delle autorizzazioni iniziali. Ciò darebbe sviluppo ad occupazione e business in Sardegna dove il nostro gruppo conta attualmente su circa 250 persone, tra diretti e indotto.

La conferenza dei servizi dedicata a questi temi dovrebbe darci una risposta definitiva nei primi giorni di agosto” dice Antonio Musso, amministratore delegato Grendi Trasporti Marittimi. Il gruppo Grendi è operativo con il terminal portuale in concessione nel Porto Canale di Cagliari (1998) e con il successivo magazzino di distribuzione di 10.000 mq (2013) costruito nell’area retrostante il terminal di Porto Canale. Oggi Grendi è l’hub per il trasporto e lo smistamento dei prodotti Barilla in Sardegna. Assicura da anni servizi di collegamento per ogni genere di merce e di mezzo di trasporto da e per la Sardegna, fornendo a tutti gli operatori sardi un servizio marittimo organizzato sulla base delle esigenze dei trasportatori e della merce sia in termini di orari che di flessibilità operativa.

Leggi anche:

  1. GRUPPO GRENDI CONTINUA L’IMPEGNO PER CONTRASTARE L’EMERGENZA E SOSTENERE L’APPROVVIGIONAMENTO DELLE MERCI CON TARIFFE AGEVOLATE PER GLI AUTOTRASPORTATORI
  2. Destinazione Sardegna, presidente Solinas: “Assicurare competitività a trasporti e logistica per lo sviluppo della Sardegna”
  3. L’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna apre ai tirocini dedicati alla Pianificazione e allo Sviluppo
  4. Porto di Cagliari: accordo Grendi-indiana Electrosteel per hub
  5. IL GRUPPO GRIMALDI POTENZIA I COLLEGAMENTI PER SICILIA E SARDEGNA

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76886

Scritto da Redazione su lug 8 2020. Archiviato come commerciale, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab