Home » Ambiente, Europa, Infrastrutture, Italia, Legislazione, Logistica, News, Porti, Trasporti » L’UE investe oltre 2 miliardi di euro in 140 progetti chiave nel settore dei trasporti per rilanciare l’economia

L’UE investe oltre 2 miliardi di euro in 140 progetti chiave nel settore dei trasporti per rilanciare l’economia

ESITI CALL bando CEF 2019

L’UE sostiene la ripresa economica in tutti gli Stati membri iniettando quasi 2,2 miliardi di euro in 140 progetti chiave nel settore dei trasporti. Questi progetti contribuiranno a costruire i collegamenti di trasporto mancanti in tutto il continente, a sostenere il trasporto sostenibile e a creare posti di lavoro. I progetti riceveranno finanziamenti attraverso il Connecting Europe Facility (CEF), il programma di sovvenzioni dell’UE a sostegno delle infrastrutture di trasporto.

Con questo budget, l’UE raggiungerà i suoi obiettivi climatici stabiliti nell’European Green Deal. Un’enfasi molto forte è posta sui progetti di rafforzamento delle ferrovie, compresi i collegamenti transfrontalieri e i collegamenti con porti e aeroporti. Il trasporto sulle vie navigabili interne viene potenziato grazie a una maggiore capacità e a migliori collegamenti multimodali con la rete stradale e ferroviaria. Nel settore marittimo, la priorità è data ai progetti di trasporto marittimo a corto raggio basati su combustibili alternativi e all’installazione di un sistema di alimentazione elettrica a terra per i porti per ridurre le emissioni delle navi attraccate.

Il commissario per i trasporti Adina Vălean ha dichiarato: “Il contributo UE di 2,2 miliardi di euro a questa infrastruttura di trasporto cruciale contribuirà a rilanciare la ripresa e ci aspettiamo che generi 5 miliardi di euro di investimenti”. Il tipo di progetti in cui investiamo va dal trasporto per vie navigabili interne ai collegamenti multimodali, dai carburanti alternativi alle massicce infrastrutture ferroviarie. Il Connecting Europe Facility (CEF) è uno dei nostri strumenti chiave per creare un sistema di trasporto a prova di crisi e resistente – vitale ora e nel lungo periodo”.

L’UE sosterrà progetti di infrastrutture ferroviarie situate sulla rete centrale transeuropea dei trasporti (TEN-T) per un totale di 1,6 miliardi di euro (55 progetti). Tra questi, il progetto Rail Baltica, che integra gli Stati baltici nella rete ferroviaria europea, e la sezione transfrontaliera della linea ferroviaria tra Dresda (Germania) e Praga (Repubblica Ceca).

Sosterrà inoltre il passaggio a carburanti più ecologici per i trasporti (19 progetti) con quasi 142 milioni di euro. Alcuni progetti prevedono la conversione di navi in modo che possano funzionare a gas naturale liquefatto (GNL), nonché l’installazione di infrastrutture corrispondenti nei porti.

Il trasporto su strada vedrà anche la diffusione di infrastrutture per carburanti alternativi, in particolare attraverso l’installazione di 17.275 punti di ricarica sulla rete stradale e l’impiego di 355 nuovi autobus.

Nove progetti contribuiranno a creare un sistema ferroviario interoperabile nell’UE e il funzionamento senza soluzione di continuità dei treni in tutto il continente attraverso il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS). L’aggiornamento delle locomotive e dei binari ferroviari al sistema europeo unificato di controllo dei treni aumenterà la sicurezza, diminuirà i tempi di viaggio e ottimizzerà l’utilizzo dei binari. I nove progetti riceveranno oltre 49,8 milioni di euro.

Contesto
I progetti sono stati selezionati per il finanziamento tramite due bandi di gara lanciati nell’ottobre 2019 (regolare bando CEF Trasporti) e nel novembre 2019 (bando CEF Transport Blending Facility). Il contributo finanziario dell’UE viene fornito sotto forma di sovvenzioni, con tassi di cofinanziamento diversi a seconda del tipo di progetto. Per 10 progetti selezionati nell’ambito del Blending Facility, il sostegno dell’UE deve essere combinato con finanziamenti aggiuntivi da parte delle banche (attraverso un prestito, un debito, un capitale proprio o qualsiasi altra forma di sostegno rimborsabile).

Complessivamente, nell’ambito del programma CEF, 23,2 miliardi di euro sono disponibili per sovvenzioni dal bilancio UE 2014-2020 per cofinanziare progetti della rete transeuropea di trasporto (TEN-T) negli Stati membri dell’UE. Dal 2014, primo anno di programmazione del CEF, sono stati lanciati sei inviti a presentare proposte di progetti (uno all’anno). In totale, il CEF ha finora sostenuto 794 progetti nel settore dei trasporti, per un valore complessivo di 21,1 miliardi di euro.

Prossimi passi
Per entrambi i bandi, vista l’approvazione dei progetti selezionati da parte degli Stati membri dell’UE, la Commissione adotterà nei prossimi giorni decisioni formali di finanziamento. L’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti della Commissione (INEA) firmerà gli accordi di finanziamento con i beneficiari dei progetti al più tardi entro gennaio 2021.

————————————————————————————————-

Boosting the EU’s Green Recovery: EU invests over €2 billion in 140 key transport projects to jump-start the economy


The EU is supporting the economic recovery in all Member States by injecting almost €2.2 billion into 140 key transport projects. These projects will help build missing transport links across the continent, support sustainable transport and create jobs. The projects will receive funding through the Connecting Europe Facility (CEF), the EU’s grant scheme supporting transport infrastructure.

With this budget, the EU will deliver on its climate objectives set out in the European Green Deal. A very strong emphasis is on projects reinforcing railways, including cross-border links and connections to ports and airports. Inland waterway transport is boosted through more capacity and better multimodal connections to the road and rail networks. In the maritime sector, priority is given to short-sea-shipping projects based on alternative fuels and the installation of on-shore power supply for ports to cut emissions from docked ships.

Commissioner for Transport Adina Vălean said: “The €2.2 billion EU contribution to this crucial transport infrastructure will help kick-start the recovery, and we expect it to generate €5 billion in investments. The type of projects we invest in ranges from inland waterways transport to multimodal connections, alternative fuels to massive railroad infrastructure. The Connecting Europe Facility (CEF) is one of our key instruments in creating a crisis-proof and resilient transport system – vital now and in the long run.”

The EU will support rail infrastructure projects located on the trans-European transport (TEN-T) core network with a total of €1.6 billion (55 projects). This includes the Rail Baltica project, which integrates the Baltic States in the European rail network, as well as the cross-border section of the railway line between Dresden (Germany) and Prague (Czechia).

It will also support the shift to greener fuels for transport (19 projects) with almost €142 million. A number of projects involve converting vessels so they may run on Liquefied Natural Gas (LNG), as well as installing corresponding infrastructure in ports.

Road transport will also see the deployment of alternative fuels infrastructure, namely through the installation of 17,275 charging points on the road network and the deployment of 355 new buses.

Nine projects will contribute to an interoperable railway system in the EU and the seamless operation of trains across the continent through the European Rail Traffic Management System (ERTMS), Upgrading locomotives and railway track to the unified European train control system will boost safety, decrease travel times and optimise track usage. The nine projects will receive over €49.8 million.

Background

The projects were selected for funding via two competitive calls for proposals launched in October 2019 (regular CEF Transport call) and November 2019 (CEF Transport Blending Facility call). The EU’s financial contribution comes in the form of grants, with different co-financing rates depending on the project type. For 10 projects selected under the Blending Facility, EU support is to be combined with additional financing from banks (via a loan, debt, equity or any other repayable form of support).

Overall, under the CEF programme, €23.2 billion is available for grants from the EU’s 2014-2020 budget to co-fund Trans-European Transport Network (TEN-T) projects in the EU Member States. Since 2014, the first CEF programming year, six calls for project proposals have been launched (one per year). In total, CEF has so far supported 794 projects in the transport sector, worth a total of €21.1 billion.

Next steps

For both calls, given EU Member States’ approval of the selected projects, the Commission will adopt formal financing decisions in the coming days. The Commission’s Innovation and Networks Executive Agency (INEA) will sign the grant agreements with the project beneficiaries at the latest by January 2021.

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: dall’UE oltre mezzo milione di euro per progetti green
  2. Cancian: «Approvata una prima lista aperta di progetti EUSAIR per oltre 2,5 miliardi di euro»
  3. UE finanzia i progetti nel settore dei trasporti
  4. Da UE 7,6 miliardi di euro di investimenti per i trasporti
  5. UE seleziona 106 progetti TEN-T

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=77130

Scritto da Redazione su lug 16 2020. Archiviato come Ambiente, Europa, Infrastrutture, Italia, Legislazione, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab