Home » Cultura, Italia, Legislazione, Logistica, News, Porti, Trasporti » Zone economiche speciali misure per lo sviluppo dei porti e relative semplificazioni

Zone economiche speciali misure per lo sviluppo dei porti e relative semplificazioni

Roma. L’economia del mare, cosiddetta blue economy, costituisce una parte importante dell’economia italiana e il “mare” rappresenta una risorsa rilevante per lo sviluppo del Mezzogiorno, se declinato nelle varie filiere come quelle del turismo, delle grandi strutture logistiche e dei centri commerciali. Le zone economiche speciali (ZES) rappresentano, oggi, l’ultima frontiera delle politiche governative di sviluppo del Mezzogiorno. Politica che si concentra sui porti, nei quali s’intende valorizzare gli insediamenti imprenditoriali, gli incentivi e progetti d’investimento capaci di rendere trainanti i settori di punta dell’economia italiana e meridionale, quali l’agroalimentare, aereonautica e automotive e il sistema del Made in Italy in generale.

Alcune realtà locali fanno ancora fatica a comprendere una tale strategia; si ritrovano con delibere di Consiglio Comunale anche favorevoli per lo sviluppo territoriale/portuale, ma sono contrastate da relazioni tecnico/ambientali editi da burocrati senza responsabilità politica e che governano il futuro di quella città/regione.

E’tempo che si passi all’azione operativa delle Zes! Siamo ancora a parlare di misure di semplificazione amministrativa (D.L. 135/2108 convertito in L. in dicembre 2019) circa la riduzione di un terzo dei termini procedimentali previsti, soprattutto quelli concernenti  valutazione di impatto ambientale (via), valutazione ambientale strategica (vas), autorizzazione integrata ambientale (aia), autorizzazione unica ambientale (aua), autorizzazione paesaggistica, permesso di costruire, concessioni demaniali portuali; oltre alla riduzione dei termini della conferenza di servizi semplificata.

Intanto, molte imprese riscontrano l’eccessiva complessità di alcuni procedimenti per potersi localizzare nelle Zes, tra cui le autorizzazioni ambientali e i permessi di costruire; senza parlare della coesistenza di diversi organismi, sia a livello nazionale e sia locale, coinvolti nelle procedure amministrative. Ricordiamo che il Piano per il Sud 2030 ha promosso la strategia delle Zes quale opportunità di sviluppo dell’intero Mezzogiorno, anche se il Governo per l’attuazione ha previsto l’istituzione di un Commissario Straordinario per ogni Zes.

E si arriva al decreto ultimo sulle ”semplificazioni”, in cui si recita che, ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di realizzare un’accelerazione degli investimenti e delle infrastrutture portuali, si dovrà applicare la semplificazione delle procedure, al fine di fronteggiare le ricadute economiche conseguenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19. All’art. 46 (Semplificazioni in materia di Zone Economiche Speciali) del citato decreto, sarà il Commissario straordinario del Governo (prima era il Segretario generale dell’AdSP),  avvalendosi del supporto dell’Agenzia per la Coesione territoriale e dell’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa – Invitalia -, a coordinare le iniziative operative a garantire l’attrazione, l’insediamento e la piena operatività delle attività produttive nell’ambito della Zes. Il Commissario contribuirà a individuare, tra le aree identificate all’interno del Piano di Sviluppo Strategico, le aree prioritarie per l’implementazione del Piano, curandone la caratterizzazione necessaria per garantire gli insediamenti produttivi, oltre ad altri compiti amministrativi.

Una sovrastruttura governativa ulteriore nella governance delle realtà portuali e retroportuali che sicuramente accelera l’iter procedurale degli insediamenti produttivi, ma ne rallenta i tempi per via delle tantissime autorizzazioni ambientali elencate prima. La novità del decreto, per le Zes, è che si possono istituire delle zone franche doganali intercluse ai sensi del regolamento Ue n. 952/2013. La perimetrazione di dette zone franche doganali, il cui piano strategico sia stato presentato dalle Regioni proponenti entro l’anno 2019, è proposta da ciascun Comitato d’indirizzo entro il 31 dicembre 2020 ed è approvata con determinazione del direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, da adottare entro sessanta giorni dalla proposta.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. CONSIGLIO E FONDAZIONE NAZIONALE COMMERCIALISTI: ZONE ECONOMICHE SPECIALI E ZONE LOGISTICHE SEMPLIFICATE
  2. Zone Economiche Speciali e Zone Logistiche Speciali: Assoporti delega il presidente di AdSP MAM Ugo Patroni Griffi
  3. Zes Campania, operativo il credito d’imposta per le imprese che investono nelle zone economiche speciali
  4. Zone economiche speciali, dal governo Musumeci arriva il via libera
  5. Le Zone Economiche Speciali, aspetti applicativi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=77135

Scritto da Abele Carruezzo su lug 16 2020. Archiviato come Cultura, Italia, Legislazione, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab