Home » Ambiente, Cultura, Eventi, Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » Verso una comunità di decarbonizzazione dell’Interporto di Bologna

Verso una comunità di decarbonizzazione dell’Interporto di Bologna

Il progetto, lanciato in collaborazione con NE Nomisma Energia, verrà presentato nel corso di un workshop online martedì 28 luglio

Interporto di Bologna, assieme a NE Nomisma Energia, ha avviato un innovativo e ambizioso progetto di fattibilità di una comunità di decarbonizzazione nel settore della logistica. Il progetto è finanziato dalla Climate-KIC, una delle cosiddette Knowledge and Innovation Communities (KICs) creata nel 2010 dall’EIT, l’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia per diffondere la conoscenza, promuovere l’innovazione nella sfida ai cambiamenti climatici.

Il progetto, con acronimo DECLOG.COM, ha l’obiettivo di creare una comunità attorno a un hub logistico come un interporto finalizzata a ridurne le emissioni serra e locali fino alla sua decarbonizzazione nel lungo periodo. Oltre all’Interporto di Bologna, che è il beneficiario principale del progetto, anche i condòmini dell’interporto, le associazioni di categoria del trasporto merci e del commercio, i Comuni limitrofi e l’intera comunità che usufruisce dei servizi dell’interporto, sono chiamati a fornire le proprie soluzioni e il proprio contributo per la decarbonizzazione dell’Interporto e in generale per la decarbonizzazione del settore del trasporto merci. L’idea di fondo, infatti, è quella di responsabilizzare ogni attore di questa filiera, compresi i singoli cittadini che a vario titolo beneficiano dell’Interporto, incluso i connessi servizi di consegna delle proprie merci a costo, anche ambientale, ridotto.

La metodologia che verrà utilizzata per identificare le barriere e le opportunità dell’estensione del concetto di comunità energetica a quello di comunità di decarbonizzazione nel settore logistico e trasporto merci per perseguire un minore impatto ambientale, riduzione gas serra ed emissioni locali inquinanti, prevede l’organizzazione di incontri diretti, focus group, workshop e seminari con i gruppi interessati, assieme a simulazioni di carbon neutrality.

Un primo workshop in modalità online è previsto il 28 luglio 2020 e vedrà coinvolti diversi attori impegnati a progettare assieme (co-design) questa comunità di decarbonizzazione attorno all’Interporto di Bologna.

Programma workshop

Scheda progetto

Leggi anche:

  1. Interporto Bologna: La connessione Bologna – Bari passa da 3 a 5 circolazioni a settimana
  2. Interporto Bologna-5 dicembre: workshop “Pratiche di innovazione del nuovo facility management di Interporto
  3. Il progetto LOGISANA e le prime start-up in Interporto Bologna
  4. Il Direttore Generale Interporto Bologna Sergio Crespi, relatore all’evento di Adecco
  5. 4-7 giugno: Interporto Bologna vi aspetta al Transport Logistic

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=77293

Scritto da Redazione su lug 21 2020. Archiviato come Ambiente, Cultura, Eventi, Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab