Home » Internazionale, News, Porti, Trasporti » L’Autorità del porto Rotterdam sostiene l’innovazione

L’Autorità del porto Rotterdam sostiene l’innovazione

Rotterdam. Il porto di Rotterdam si prepara con nuove infrastrutture ad affrontare le sfide del post-covid-19. RDM Rotterdam, l’ex cantiere navale della Rotterdam Droogdok Maatschappij, messo a disposizione dall’Authority, è un luogo adatto per una nuova generazione di compagnie portuali. Aziende di produzione innovative, star-up e scale-up in questo sito portuale unico possono programmare business e guardare al futuro con spirito nuovo. L’Het Magazijn si trova nell’ex cantiere RDM ed è un complesso aziendale multifunzionale e super moderno che comprende un totale di quattro locali commerciali e con una vista mozzafiato sulla Nieuwe Maas.

Uno spazio per le società di produzione, per la città che potrà organizzare eventi culturali e per il futuro del porto stesso. Nel comunicato che la Port Authority of Rotterdam ha diffuso si legge: “Un’imprenditorialità di successo richiede un adeguato spazio per l’avvio e la crescita e questo è ciò che offriamo qui. Insieme ad altri imprenditori innovativi e istituzioni educative, stiamo creando un clima in RDM che stimoli la cooperazione e l’imprenditorialità.”.  Nel complesso aziendale, insieme alla società M4H Rotterdam, la RDM Rotterdam ha realizzato anche un distretto industriale, il Rotterdam Makers District. Qui, imprenditori innovativi, istituzioni educative e pionieri lavorano insieme sulla digitalizzazione, la transizione energetica e la nuova industria manifatturiera.

L’Autorità portuale di Rotterdam è in prima fila nello sviluppo dell’Het Magazijn al fine di stimolare la crescita di questi nuovi ambiti di economia marittimo/portuale. Se si pensa a quante infrastrutture portuali inutilizzate che s’impongono nei nostri porti, si comprende come sia difficile, in Italia, avere una visione di futuro per incidere sui flussi merceologici del Mediterraneo e sui panorami innovativi di sviluppo territoriale. Ancora si assiste a “veti” che sotto la bandiera del “senso civico”- di pochi – si preferisce lasciare abbandonati complessi e strutture portuali o che si affacciano in porto, giusto per dichiarare la loro … “presenza social”.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Rotterdam hub per bunker di Gnl
  2. Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale: L’uso dell’LNG nei porti, tra innovazione e responsabilità
  3. Il porto di Rotterdam verso l’economia circolare
  4. Port of Rotterdam: memorandum di cooperazione con le regioni del Reno
  5. Porto di Rotterdam: meno navi, ma con maggiore portata

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=78185

Scritto da Abele Carruezzo su set 1 2020. Archiviato come Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab