Home » Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti » HHLA investe nel porto adriatico di Trieste

HHLA investe nel porto adriatico di Trieste

Compartecipazione maggioritaria al nuovo terminal multifunzionale nel Nord Italia
Possibilità di sfruttare ulteriori capacità in termini di superfici e movimentazione
L’amministratrice delegata Angela Titzrath: “Un significativo ampliamento della rete portuale e intermodale di HHLA”

Con una quota del 50,01%, la società Hamburger Hafen und Logistik AG (HHLA) acquisisce la maggioranza del terminal multifunzionale “Piattaforma Logistica Trieste” (PLT) nel porto di Trieste. Il relativo accordo è stato sottoscritto il 28 set-tembre. Dal punto di vista contrattuale e organizzativo, l’investimento fa capo alla società HHLA International GmbH. Con questa partecipazione nell’Adriatico, HHLA si posiziona in un mercato in forte crescita che offre buone opportunità di sviluppo grazie alla sua posizione strategica. Dopo Odessa (Ucraina) e Tallinn (Estonia), questo è il terzo porto che vede la partecipazione di HHLA al di fuori di Amburgo.

Angela Titzrath, amministratrice delegata di HHLA: “Negli anni passati la regione adriatica si è sviluppata in modo molto dinamico. Trieste è il porto più settentrionale del Mediterraneo e al contempo lo sbocco a sud dell’Europa centrale e orientale. Questa partecipazione costituisce un significativo ampliamento della nostra attuale rete portuale e intermodale. Il terminal ci offre la pos-sibilità di intercettare nuovi flussi di merci in mutamento e di partecipare attivamente alla loro evo-luzione. Con questa operazione ribadiamo le nostre ambizioni e la nostra volontà di crescita internazionale. Al tempo stesso intendiamo rafforzare ulteriormente i nostri terminal di Amburgo attraverso investimenti in impianti e tecnologie. Siamo un’azienda di Amburgo ma ci sentiamo a casa in Europa e operiamo a livello globale”.

Francesco Parisi, Presidente del Consiglio di Amministrazione di PLT: “l’ingresso di un socio della statura di HHLA in PLT è motivo di grande soddisfazione per le prospettive di crescita della società e dell’intero porto di Trieste. Le strategie di sviluppo nell’area del Centro ed Est Europeo sono state condivise con HHLA in modo armonico e le visioni dei nuovi partner sono state per noi una conferma della solidità del progetto che abbiamo sviluppato”.

Gli impianti del terminal sono situati all’interno della zona franca di Trieste e dispongono di una superficie complessiva di 28 ettari. Nella parte settentrionale si svolgono prevalentemente i traffici di sbarco ed imbarco di merci varie e vengono erogati i servizi logistici. Nella zona meridionale è attualmente in costruzione il nuovo cuore del terminal: l’area di recente realizzazione entrerà in funzione nel primo trimestre del 2021 ed è progettata per la movimentazione di container e roll-on/roll-off. La capacità del terminal PLT ammonterà in totale a circa 300.000 TEU (container standard), 90.000 unità ro-ro e 700.000 tonnellate di carico generale. Vi è inoltre la possibilità di aumentare notevolmente la capacità del terminal ampliando le aree adiacenti.

La posizione strategicamente favorevole del porto adriatico di Trieste offre ottime opportunità di sviluppo del traffico diretto verso l’interno; il terminal PLT è dotato di un proprio raccordo ferroviario. Oltre a ciò, Metrans, filiale ferroviaria di HHLA, collega già il porto di Trieste con la sua rete in-termodale europea.

Il completamento dell’operazione è soggetto a diverse condizioni sospensive ed è previsto per il mese di gennaio 2021.

Leggi anche:

  1. PIATTAFORMA LOGISTICA DI TRIESTE: ARRIVA UN NUOVO PARTNER EUROPEO
  2. PORTO DI TRIESTE: STATISTICHE PRIMO SEMESTRE 2020
  3. IL PORTO DI TRIESTE SI AGGIUDICA DUE NUOVI PROGETTI EUROPEI COFINANZIATI DAL PROGRAMMA CEF
  4. PORTO DI TRIESTE: L’EFFETTO DEL COVID SUI TRAFFICI
  5. Trieste primo porto italiano per tonnellaggio totale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=79195

Scritto da Redazione su set 29 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Logistica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab