Home » Cultura, Italia, Nautica, News, Porti » Regione Friuli-Venezia Giulia: Formazione, recruiting e reinserimento, le risposte concrete alla crisi occupazionale

Regione Friuli-Venezia Giulia: Formazione, recruiting e reinserimento, le risposte concrete alla crisi occupazionale

COSELAG E REGIONE FVG: PATTO PER IL LAVORO NEL CONSORZIO INDUSTRIALE GIULIANO

D’Agostino: accordo siglato per supportare aziende e lavoratori dell’area a superare questo momento di difficoltà professionale e occupazionale

Trieste - Sarà più rapido per le aziende del Consorzio industriale trovare lavoratori adeguati alle mansioni specifiche richieste e più facile per i candidati interessati a lavorare nel comprensorio giuliano acquisire le competenze necessarie attraverso percorsi formativi regionali mirati. Le aziende già presenti nel Consorzio, ma anche quelle di nuovo insediamento, avranno la possibilità di trovare un linguaggio comune condiviso con i centri per l’impiego regionali per migliorare l’incontro tra domanda e offerta. Un rafforzamento dei servizi quanto mai prezioso per le aziende in crisi del comprensorio giuliano e possibile grazie al Protocollo di collaborazione firmato oggi dal presidente del Consorzio di sviluppo economico locale dell’area giuliana (Coselag) Zeno D’Agostino e l’assessore al Lavoro della Regione Friuli-Venezia Giulia, Alessia Rosolen.

Per aiutare lavoratori e aziende del territorio a trovare nuove opportunità di impiego, anche alla luce dei cambiamenti tecnologici e organizzativi in atto, saranno offerti corsi di qualificazione personale per i nuovi addetti e di riqualificazione per i lavoratori già presenti in azienda in modo che possano svolgere mansioni diverse all’interno dell’ambito consortile. Alle imprese sarà garantito il sostegno all’accesso ai servizi regionali di politica attiva del lavoro, ad esempio fornendo assistenza per una più efficace descrizione delle mansioni richieste e delle capacità necessarie alle singole figure professionali. Le realtà lavorative non ancora insediate nell’area consortile, inoltre, potranno beneficiare di supporto nella ricerca del personale da inserire in pianta organica.

Una collaborazione, quella tra Coselag e Regione FVG, che nel suo complesso permetterà di sostenere lo sviluppo e la crescita qualitativa e quantitativa del mercato del lavoro nel Consorzio, attraverso percorsi di formazione, di reimpiego e di accompagnamento all’inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro.

“La firma di questo protocollo di collaborazione con la Regione Friuli Venezia Giulia ci vede particolarmente soddisfatti” spiega Zeno D’Agostino. “In continuità con la collaborazione che già esiste con la Regione, i lavoratori, le imprese già insediate nell’area industriale giuliana e quelle di nuovo insediamento potranno fruire di servizi importanti nell’ambito formativo e del recruiting. L’accordo favorirà, inoltre, le politiche di reinserimento dei lavoratori in eventuali aziende che in questo momento soffrono dal punto di vista professionale e occupazionale. Si tratta di strumenti che necessitano di una forte compartecipazione da parte delle aziende – chiude D’Agostino – per questo il Coselag farà la sua parte per coinvolgere il più possibile le imprese”.

Leggi anche:

  1. Regione Friuli Venezia Giulia: Porto franco di Trieste è occasione di sviluppo per Fvg
  2. Regione Friuli Venezia Giulia: Fedriga, procede iter investimento ungherese in porto Ts
  3. Regione Friuli Venezia Giulia: Fedriga, accordo Regione-Autorità per gestione unica Monfalcone
  4. Regione Friuli Venezia Giulia-Porto vecchio: Fedriga, enti pubblici fanno sistema per rilancio area
  5. La Regione Friuli Venezia Giulia si avvale di Barcolana per informazione e orientamento

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=80135

Scritto da Redazione su ott 21 2020. Archiviato come Cultura, Italia, Nautica, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab