Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti, Turismo » Porto di Bari: entrano in funzione i nuovi varchi, carrabili e pedonali, della port facility molo San Vito extra-Schengen e i nuovi uffici AdSP MAM

Porto di Bari: entrano in funzione i nuovi varchi, carrabili e pedonali, della port facility molo San Vito extra-Schengen e i nuovi uffici AdSP MAM

Una rimodulazione funzionale e avveniristica che proietta lo scalo adriatico nel  futuro.

Dalla prossima settimana, dopo gli interventi  di rimodulazione e  riqualificazione, sarà attivo il varco AC1 della port facility “Molo SanVito” del porto di Bari e, contestualmente, si avvieranno i lavori per il varco AC3.

Si tratta di interventi che l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale ha progettato e realizzato per aumentare l’efficacia prestazionale dell’impianto, per adeguare le strutture alle normative in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro e, soprattutto, per adempiere alle disposizioni previste dal piano di security portuale, per la divisione tra passeggeri Schengen e passeggeri extra-comunitari.

Le Forze dell’Ordine e le altre Istituzioni (Agenzia delle Dogane e Security portuale) che operano in porto disporranno, quindi, di nuove postazioni di controllo, un numero superiore di varchi carrabili e maggiore spazio di pertinenza.

Inoltre, sono state realizzate corsie dedicate agli autoveicoli e ai mezzi pesanti, con una soluzione viaria che consentirà la percorribilità veicolare agevole dei mezzi, rendendo più efficaci e rapidi i controlli di rito effettuati dagli operatori direttamente dalle apposite postazioni di controllo interne ai nuovi moduli.

Peculiare, avveniristica e altamente funzionale la progettazione delle postazioni di controllo, realizzate per ospitare due unità contrapposte e posizionate su un pavimento sopraelevato galleggiante, che consentirà agli operatori una migliore visibilità, resa ottimale dall’utilizzo di lastre vetrate di grandi dimensioni, in luogo dei muri perimetrali, caratterizzate dall’assenza di profili strutturali agli angoli.

Una serie di accorgimenti tecnici finalizzata a liberare il campo visivo da qualunque ostacolo per rendere più agevole e funzionale l’attività di controllo degli operatori.

Per il varco AC3, invece, oltre all’aumento delle postazioni di controllo, in continuità formale con quanto previsto per il varco AC1, sarà realizzata anche una nuova copertura, di dimensioni 43m x 23m.

Contestualmente, sempre dalla prossima settimana, entreranno in funzione, anche, i nuovi uffici per il personale AdSP MAM, sede di Bari, dopo gli interventi di ristrutturazione di parte  del primo piano della stazione marittima Molo San Vito.

In ambienti adeguati e funzionali, sono state create sino a 30 postazioni di lavoro fisse, due salette riunioni, collegate tra loro e convertibili in un unico spazio, zone di ristoro e di attesa, servizi igienici, spazi connettivi e vani tecnici.

La distribuzione architettonico-funzionale interna è stata realizzata mediante pareti modulari prefabbricate montate su pavimento galleggiante; la combinazione di questi due tipi di elementi costruttivi, unitamente all’utilizzo di altre tecnologie connotate da standard ad elevata efficacia prestazionale, consentirà una gestione flessibile degli spazi, nell’ottica di eventuali future modifiche distributive interne, consentendo di adeguare tramezzature ed impianti.

Leggi anche:

  1. AdSP MAM: Riqualificazione di Molo S. Cataldo e Darsena di ponente del porto di Bari
  2. Entrano in funzione gli Uffici Territoriali Portuali nel sistema dell’Adriatico meridionale
  3. Bari, al via procedura per realizzare i nuovi varchi nel porto
  4. Il molo San Cataldo del porto di Bari si arricchisce di tre punti di ormeggio e di infrastrutture logistiche asservite alla sede logistica di Bari della Capitaneria di porto
  5. Porto di Bari: ultimati i lavori della stazione marittima al molo S. Vito

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=80223

Scritto da Redazione su ott 23 2020. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab