Home » Cultura, Diporto, Internazionale, News, Porti, Trasporti » Suez Canal: ora ci s’incaglia anche in convoglio

Suez Canal: ora ci s’incaglia anche in convoglio

Suez. Il Canale di Suez, ieri 26.11.2020,  è stato chiuso al traffico per circa quattro ore, a causa di un arenamento da parte di una portacontainer in transito. E’ già la seconda volta in due mesi che accade che una nave si sia arenata nel Canale di Suez, interrompendo il flusso del traffico.  Secondo quanto riferisce, in via ufficiosa l’Authority di Suez Canal, vista l’inchiesta attivata da subito, la portacontainer Al Muraykh, di 199.700 tpl (18.800 teu)  ha perso propulsione e si è bloccata nelle corsie di traffico in direzione sud.

In quel momento altre navi (quasi una ventina) che erano davanti alla portacontainer nel convoglio diretto a sud non sono state coinvolte nel sinistro; mentre le altre (nove) dirette pure a sud sono state fermate, perché erano dietro la nave sinistrata; anche le navi in convoglio dirette a nord sono state fermate. L’Autorità del Canale di Suez ha prestato subito assistenza alla nave arenata e dopo cinque ore la nave portacontainer ha ri-acquistato la galleggiabilità e spostata in sito di ancoraggio per verificarne le condizioni di navigabilità con le dovute ispezioni alla carena. Il traffico dei convogli del canale sono ripresi e la compagnia della nave, Hapag Lloyd ha contestato il fermo della nave e visto le dichiarazioni del comandante si aspettava il proseguimento del suo viaggio.
Osservazioni: Due incidenti in un mese sono troppi.

Sarebbe il caso di verificare le condizioni di una nave quando naviga a bassissime velocità e la relativa distribuzione dell’energia prestabilita; predisporre un protocollo (linee guide quelli esistenti da aggiornare) durante l’attraversamento dei canali e le modalità di navigazione in convoglio; e poiché mi è difficile dare sempre colpa al team di bridge e al comandante di una nave, si invita l’Autorità del Canale di Suez a verificare periodicamente (cosa che già viene effettuata, non le probabili derive) i movimenti dunali della sabbia del fondo canale e darne tempestiva comunicazione. Grazie alla sensibilità e professionalità degli operatori dell’Autorità del Canale di Suez che si sono evitati incidenti più gravi; e grazie all’assistenza e professionalità offerta dai rimorchiatori si consente giornalmente il regolare flusso del traffico da e per il Canale.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=80896

Scritto da su Nov 27 2020. Archiviato come Cultura, Diporto, Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab