Home » Ambiente, Italia, News, Porti » Per Adesso Trieste i soldi del Recovery Fund vanno investiti in un parco eco-produttivo nell’area

Per Adesso Trieste i soldi del Recovery Fund vanno investiti in un parco eco-produttivo nell’area

IDEE FALLIMENTARI E SUPERATE PER PORTO VECCHIO CON I SOLDI DEL RECOVERY FUND? MEGLIO INVESTIMENTI PRODUTTIVI, NEL RISPETTO DEL LAVORO E DELL’AMBIENTE

«Il Recovery Fund è un’occasione straordinaria per Trieste. Le previsioni di potenziamento ferroviario al servizio del Porto, senza riferimenti inopportuni all’Alta Velocità che nulla ha a che fare con il trasporto delle merci, così come l’elettrificazione delle banchine, sono due prospettive che rafforzano ulteriormente un modello di sviluppo economico compatibile con l’ambiente e la dignità del lavoro».

I portavoce di Adesso Trieste Giulia Massolino e Riccardo Laterza intervengono sul dibattito in corso sul futuro del Porto Vecchio con l’uso di fondi provenienti dal cosiddetto Recovery Fund.

«Ciò che invece si pone completamente al di fuori della strategia complessiva del Recovery Fund, ma anche da qualsiasi logica di buonsenso, è l’ossessiva riproposizione della trasformazione del Porto Vecchio in “attrattore turistico-culturale”. Un’ipotesi che, se già prima della pandemia era debolissima sotto il profilo del valore aggiunto, delle ricadute occupazionali e della riconversione del sistema economico triestino, oggi risulta ancora più fallimentare».

«La turistificazione del Porto Vecchio non garantisce benessere alla città, ma solo profitti per pochi, e lavoro dequalificato per gli altri. Le risorse dovrebbero essere destinate invece ad una trasformazione dell’area in senso eco-produttivo, che sfrutti i vantaggi competitivi del Porto Franco e i collegamenti logistici che già sono presenti, attirando investimenti industriali in connessione con l’ecosistema della ricerca, della formazione e della cultura presente in città».

Se il Piano del Governo nazionale dimostra una forte miopia, aggravata dallo scavalcamento del confronto con Parlamento, Regioni, Comuni e parti sociali, quello regionale non è da meno. La proposta dell’assessore Callari è di “investire” 150 milioni di euro per spostare gli Uffici della Regione nel Porto Vecchio – peraltro nelle aree in concessione a Greensisam, sulle quali ancora grava un contenzioso tra Comune e concessionario in relazione alle opere di urbanizzazione – generando altrettanti vuoti immobiliari nel centro città e sperperando le risorse pubbliche che dovrebbero essere invece destinate al bene della cittadinanza. Senza dimenticare che si tratta di una proposta arrivata prima di una sua discussione in Consiglio Regionale: per il Governo, la Regione e il Comune il confronto democratico sembra essere una questione di secondo piano.

«Trieste merita di meglio. Merita una politica che risponda ai bisogni dei suoi cittadini, che punti a renderla una città veramente mitteleuropea e internazionale, che garantisca una prospettiva di sviluppo rispettosa dei diritti e dell’ambiente, che si confronti con le parti sociali, che abbia fiducia nell’intelligenza dei suoi cittadini, restituendo loro potere e protagonismo. Noi triestini abbiamo il diritto di decidere su ciò che riguarda il nostro futuro, e su come investire le risorse pubbliche per raggiungere gli obiettivi di una società più giusta, compatibile con l’ambiente, finalmente ricca di opportunità».

APS Adesso Trieste | Patto per la città Pakt za mesto


Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81057

Scritto da su Dic 10 2020. Archiviato come Ambiente, Italia, News, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab