Home » Diporto, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti, Turismo » Da maggio la MSC Seaside fa rotta verso il porto di Taranto

Da maggio la MSC Seaside fa rotta verso il porto di Taranto

TARANTO– Una notizia importante per la città portuale di Taranto: a partire dal prossimo maggio 2021, lo scalo jonico accoglierà la “MSC Seaside”, la smart-ship della prestigiosa compagnia internazionale di navigazione MSC Crociere, prima cruise line della scena globale a ricevere il certificato di conformità per il protocollo di salute e sicurezza “Safe bubble” – implementato già dall’agosto 2020 a bordo della MSC Grandiosa quale misura di contenimento e contrasto alla diffusione del COVID-19 – che rappresenta oggi un vero e proprio modello da seguire a livello mondiale.

Nota anche come “the ship that follows the sun”, la ammiraglia MSC “Seaside”, con oltre 153 mila tonnellate di stazza lorda ed una capienza massima normale di circa 5300 passeggeri, è una delle navi più recenti, innovative e sostenibili della ricca flotta della compagnia italo-svizzera MSC Cruises e rappresenta la più grande nave mai costruita in Italia, fiore all’occhiello della cantieristica navale nazionale. Battezzata nel 2017, MSC Seaside ha riscritto le regole del design delle navi da crociera, combinando aree interne ed esterne per avvicinare gli ospiti al mare come mai prima d’ora.

msc seaside taranto itinerario
A partire dal 5 maggio prossimo, dalle ore 09:00 alle ore 18:00, la Seaside approderà al porto di Taranto ogni mercoledì, tappa settimanale dell’itinerario Mediterraneo proposto dalla MSC Cruises per la stagione crocieristica 2021 che include anche i porti di Genova, Civitavecchia, Siracusa e La Valletta (Malta).

Già nel 2020, la compagnia MSC Cruises aveva avuto modo di testare sul campo l’elevata qualità ed efficienza dei servizi offerti dal porto di Taranto, con il lay-up di due navi della propria flotta – Opera e Fantasia – che sono rimaste ormeggiate presso le infrastrutture portuali per alcuni mesi a causa dell’interdizione alla navigazione imposta dal governo alle navi da crociera. La sosta tecnica presso il Molo Polisettoriale – resa possibile grazie alla collaborazione con la San Cataldo Container Terminal SpA – è perdurata nei mesi invernali e si è tramutata in una opportunità di conoscenza dell’infrastruttura portuale anche in ottica di sviluppare nuove sinergie di collaborazione. Lo sviluppo del traffico crocieristico, in ottica di diversificazione delle attività portuali, rappresenta un asset significativo per il territorio jonico, sia in termini economici che culturali.

L’importante traguardo – frutto anche della proficua sinergia con il cluster portuale e degli investimenti infrastrutturali e di marketing effettuati dall’AdSP del Mar Ionio – giunge a valle del periodo più buio per il settore crocieristico internazionale che, nel corso del 2020, ha dovuto affrontare una lunga fase di arresto a causa dell’emergenza pandemica Covid-19. A distanza di quattro anni dal primo scalo a Taranto della compagnia Marella Cruises nel 2017, l’AdSPMI ha proseguito senza sosta la propria azione promozionale e di marketing volta a far conoscere l’unicità dell’offerta di Taranto alla platea delle cruise lines internazionali che, in maniera sempre crescente, stanno dimostrando apprezzamento ed interesse verso la “destinazione Taranto” quale meta crocieristica emergente del Mediterraneo.

La notizia del prossimo approdo a Taranto della Seaside è stata accolta e diffusa all’unisono dall’AdSP del Mar Ionio e dal Comune di Taranto, protagoniste di un’azione istituzionale sinergica che vede le due amministrazioni collaborare ai fini dell’implementazione di una strategia condivisa per la valorizzazione della risorsa mare nella città di Taranto e nella provincia ionica, attraverso la qualificazione ed il potenziamento dei servizi e dell’offerta turistica integrata e lo sviluppo del settore crocieristico.

«La conferma dell’inserimento del porto di Taranto nell’itinerario mediterraneo della “MSC Seaside” è una notizia meravigliosa – ha dichiarato ieri il Presidente dell’AdSPMI, Sergio Prete -. Nel 2017 ho avuto il privilegio ed il piacere di essere invitato alla cerimonia del varo ufficiale della nave a Monfalcone. Ringrazio la famiglia Aponte e l’Executive Chairman Pierfrancesco Vago per aver scelto Taranto e il suo porto. Il recente cammino intrapreso dallo scalo ionico verso la diversificazione delle funzioni e lo sviluppo dell’attività crocieristica sta producendo importanti risultati, grazie alla forte sinergia con il Comune di Taranto ed il cluster portuale, oltre agli investimenti infrastrutturali e di marketing. Trattasi di uno dei risultati tangibili del dialogo costante avviato tra il porto e la città attraverso le voci istituzionali rappresentative di Taranto e del suo scalo».

«La rinnovata promozione territoriale, la rafforzata offerta in servizi ed eventi, in generale una articolata pianificazione amministrativa del Comune di Taranto stanno dando i primi significativi frutti – ha dichiarato ieri il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci all’annuncio stampa della società elvetica -. Taranto è tornata attraente per il mercato internazionale e siamo sicuri che insieme a tutti gli stakeholder locali faremo un grande lavoro per assicurare la piena soddisfazione di operatori e visitatori, di questa compagnia come delle altre già attese a Taranto per l’estate 2021. È una delle sfide cruciali che abbiamo per consolidare un modello di sviluppo alternativo e sostenibile, oggi è una giornata molto importante per Taranto».

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=82001

Scritto da su Mar 2 2021. Archiviato come Diporto, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti, Turismo. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab