Home » Altro, Italia, News, Sport » Ancora su pesca ricreativa e sportiva

Ancora su pesca ricreativa e sportiva

Il decreto del Ministero delle Politiche per le Attività Agricole, Alimentari e Forestali del 6 dicembre 2010 ha lo scopo di promuovere la rilevazione della consistenza della pesca sportiva e ricreativa in mare; sapere quali sono le attività di pesca ed in quali regioni si praticano, anche con l’ausilio delle associazioni di settore. Cioè, sapere quanti/dove/come esercitano queste attività, e questo ai fini della sicurezza della vita umana in mare e la salvaguardia dell’ambiente marino è cosa buona. Il fatto innovativo e democratico è che la comunicazione in Capitaneria diventa “titolo” per l’esercizio della pesca. Si informa che in alcuni Stati Membri dell’UE per ogni permesso/licenza e/o comunicazione bisogna sostenere un esame per dimostrare conoscenze e competenze su queste pratiche-marinaresche-marinare. In più, chi non ottempera – in Italia, diritto/dovere a metà – alla comunicazione, se soggetto a controlli, dovrà adempiere agli atti entro 10 giorni per non incorrere in sanzioni. Le associazioni possono dare un serio contributo alla promozione  di una pesca più cosciente e consapevole dei propri associati. Altra riflessione importante è che non fa differenza il pescare in mare, barca, pesca in apnea: tutti sono obbligati dichiarare la l’attività di pesca in mare al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e alla Capitaneria di Porto della zona; ultima riflessione è che la “comunicazione” ha validità triennale. La dichiarazione al Ministero è tramite internet su apposito modulo e la vidimazione avviene  in Capitaneria della zona in cui si esercita questa attività. Il decreto è per chiunque eserciti la pesca sportiva e ricreativa in mare, di qualunque età, anche se volesse pescare un solo giorno all’anno; ogni pescatore dovrà portare con se tale comunicazione; per i pescatori in apnea sarà necessario munirsi di contenitore stagno da appendere alla boa da sub o a bordo dell’imbarcazione/assistenza sub.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Sequestro Rosalia D’Amato: ancora silenzio dai pirati
  2. Pesca sportiva: serve una dichiarazione in Capitaneria
  3. Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi
  4. Ancora voglia di Mediterraneo
  5. Arriva il Piano di gestione per la pesca controllata

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=761

Scritto da Abele Carruezzo su mag 5 2011. Archiviato come Altro, Italia, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab