Home » News, Regate, Sport » Domani parte il Trofeo Banca Aletti di Vele d’epoca a Napoli

Domani parte il Trofeo Banca Aletti di Vele d’epoca a Napoli

Preziose, antiche, spettacolari e, grazie alle cure dei loro armatori, ancora tutte competitive: sono le regine dei mari, le imbarcazioni storiche chiamate a raccolta per l’ottavo anno consecutivo dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia (www.ryccsavoia.it) e dalla Marina Militare Italiana (www.marina.difesa.it).

L’annuale appuntamento Le Vele d’Epoca a Napoli Trofeo Banca Aletti è in programma da domani sino a domenica 3 luglio nel Golfo di Napoli (www.leveledepoca.it).

Sono allineate in banchina, legno e ottoni lucidati, approdate ieri in un giro di valzer nel porticciolo di Santa Lucia. Oggi il Circolo attende gli ultimi arrivi, poi da domani quattro giorni di regate. Nella lista d’ingresso sono 38 le imbarcazioni partecipanti di quest’anno.

Una decina provengono dall’importante raduno dell’Argentario Sailing Week concluso meno di due settimane fa in Toscana, forti del richiamo della sirena Partenope. Segno che la Città campana estende la striscia di costa tirrenica centro-meridionale per consolidarne il ruolo di culla della vela classica.

Come da tradizione, il raduno è riservato ai primi quaranta iscritti tra Yacht d’Epoca (anno di varo anteriore al 1958) e Classici (anno di varo anteriore al 1976), ma l’edizione 2011 offre per la prima volta una regata interamente dedicata ai Dragoni Classici (quelli costruiti entro il 1972 compreso, anno dell’ultima Olimpiade cui questa Classe partecipò).

Se le vele d’epoca competeranno per aggiudicarsi il Trofeo Banca Aletti in un programma sportivo che le vedrà  impegnate con percorso sulle boe il giovedì e il sabato, con la regata lunga sino allo scoglio del Vervece il venerdì, e con la Parata Navale e veleggiata di ritorno da Pozzuoli a Napoli la domenica – i dragoni si contenderanno la Coppa d’Oro Eduardo Pepe, conservata sino ad oggi nel caveau del Circolo dal 1959, quando fu istituita proprio per le regate dragoni.

Per loro il Presidente Pippo Dalla Vecchia ha voluto che il campo di gara fosse lo stesso di cinquantuno anni fa: quello rosso – miglia 10,8 – dei Giochi Velici del 1960, anno in cui Napoli fu lo stadio del vento dell’Olimpiade di Roma. Saranno 10 i dragoni sulla linea di partenza, provenienti da Italia, Ucraina, Svizzera e Danimarca.

foto: www.leveledepoca.it

Leggi anche:

  1. I Dragoni tornano a Napoli dal 30 giugno
  2. The Royal Escape Race: si parte il 27 maggio
  3. VELA D’ALTURA : XVI TROFEO PUNTA STENDARDO A GAETA
  4. Porto di Napoli: mancano 15 mila posti barca
  5. CONCLUSO IL CAMPIONATO INVERNALE DEL GOLFO DI NAPOLI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2144

Scritto da Redazione su giu 29 2011. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab